Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Interviste > Intervista al Cancelliere Templare dell’Unitau il Prof. Tuccillo

Intervista al Cancelliere Templare dell’Unitau il Prof. Tuccillo

martedì 4 settembre 2012, di redazione


Nei giorni scorsi una delegazione di studiosi e cavalieri Templari è stata a Grazzanise per partecipare ai festeggiamenti in onore di S. Giovanni Battista, patrono della città. Ne abbiamo approfittato per rivolgere alcune domande all’Ing. Prof. Vincenzo Tuccillo

D. Che significa essere Templari oggi nell’Osmtj?

R. Gli ordini templari oggi hanno ereditato i valori dell’Ordine Templare, hanno conservato la fede in Dio professata attraverso il Simbolo degli Apostoli, proclamano la buona novella dei Vangeli canonici, la sottomissione a Gesù Cristo quale Re e Signore, la fratellanza che si esplica in favore di tutti con particolare attenzione ai più poveri.

D. Lei è il cancelliere internazionale dell’Unitau, Che cos’è l’Unitau e in che campi opera? Quali risultati ha raggiunto?

R. Dal 2006 alcune Organizzazioni d’ispirazione Templare, riconoscendosi nella tradizione Italiana del Maestro Bagnai, e da questi rifacendosi alla ricostituzione dell’Ordine del Tempio ad opera dell’Imperatore Napoleone I nel 1804, su indicazione di alcuni Pastori della Chiesa Cattolica Romana hanno deciso di: Condividere la fede cristiana, secondo la tradizione templare e i principi dettati da Bernardo da Chiaravalle, Cooperare verso finalità comuni, Concretizzare azioni socio-umanitarie, Convogliare sinergie operative, Comunicare in maniera trasparente, Contribuire al risveglio dei valori sopiti, combattere per cause giuste, Credere in intenti comuni, Creare un mondo migliore per tutti. Nel 2010 gli ordini che avevano intrapreso il cammino UNITAU si sono dati uno statuto superando la logica delle Osservanze e dei Maestri dando vita ad una cancelleria con un governo collegiale e democratico che ha la sua espressione nel Capitolo della Cancelleria, come organo legislativo e amministrativo, e nel Cancelliere come organo esecutivo. Dal punto di vista normativo l’UNITAU è costituita come organizzazione non lucrativa secondo i principi etici della Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo e della Convenzione di Ginevra, e della tradizione Cristiana Europea, dal punto di vista spirituale proclamano di essere “Con la Chiesa ma non nella Chiesa”, incoraggiando lo sviluppo di una concreta azione Ecumenica secondo il Concilio Vaticano II, invitano i propri aderenti ad una vita Sacramentale, nel rispetto della tradizione Cristiana di appartenenza. Molti sono stati i risultati raggiunti, in primo luogo attraverso le conferenze che periodicamente teniamo presso gli enti di formazione secondaria, nel campo della diffusione dei valori morali e della tradizione cavalleresca, a ciò vanno aggiunti gli innumerevoli risultati dal punto di vista dell’impegno sociale come nelle ultime emergenze nazionali di protezione civile.

D. Nella venuta a Grazzanise c’erano diversi simboli che spiccavano tra voi, uno di questi era la croce. Che significato aveva ed ha la croce ad otto punte?

R. La croce ottagona di origine bizantina, risalente, con ogni probabilità, al VI secolo. Il suo disegno è basato sulle croci usate sin dalla prima crociata. Segna la Partecipazione del Cavaliere alla passione di Cristo secondo la via delle beatitudini. Il numero otto delle sue punte ha un triplice significato, le otto beatitudini, le otto virtù cristiane (quattro teologali e quattro cardinali) e infine 8 principi che dovevano rispettare gli antichi cavalieri: spiritualità, semplicità, umiltà, compassione, giustizia, misericordia, sincerità, sopportazione.

D. Altro simbolo è la Spada, qualcuno si è meravigliato di come venisse utilizzata la Spada ancor oggi in Chiesa, che significato aveva ed ha per i templari?

R. La Spada è uno dei simboli più ricchi di significato in tutte le tradizioni culturali e rappresenta il potere che esercita la sua forza benefica, usata in purezza e nobiltà di intenti. Nella sua figurazione, la spada è l’insegna di virtù e bravura, giustizia, dignità e fede. Per noi rappresenta, con la simbologia religiosa in essa racchiusa, l’altare sul quale porre le nostre preghiere quotidiane.

D. Nel 2012 ha senso affidarsi ancora al codice cavalleresco ed ai suoi valori?

R. Il codice cavalleresco è un codice di comportamento atemporale al quale tutti possono affidarsi anche oggi. In particolare per noi ha valore condividere la fede cristiana secondo la tradizione templare e di principi della Cavaleria Cristiana dettati da San Bernardo da Chiaravalle.

D. Quale messaggio ai giovani e alle Scuole cosa proponete?

R. La presenza dei Cavalieri dell’Ordine Sovrano Militare del Tempio di Jerusalem negli Istituti scolastici e dovunque si possano incontrare giovani è ritenuta obiettivo fondamentale per i Cavalieri affinché essi possano entrare in contatto con un mondo di valori quali l’onore, il coraggio, il sacrificio, ma anche permeato di cultura e religiosità profonda. Ciò consentirà loro di acquisire coscienza dell’immenso patrimonio artistico lasciatoci in eredità e di vivere in maniera più consapevole il ruolo di cittadini europei, protagonisti del Terzo Millennio.

D. Cosa vi è piaciuto della vostra venuta a Grazzanise e cosa migliorereste?

R. Con gioia abbiamo partecipato alla vigilia della festa patronale riunendo un capitolo straordinario di cavalieri, abbiamo apprezzato soprattutto la partecipazione dei giovani uniti alle persone più anziane. La testimonianza degli accollatori, tutti giovanissimi, è di vitale importanza per un territorio, come quello dell’agro casertano, martoriato dalla delinquenza organizzata e dai nuovi mali sociali ad essa connessi. Forse andrebbe migliorato un pò l’organizzazione dei percorsi prevedendo delle soste di riflessione.

Intervista raccolta da Tiziano Izzo

(foto dalla pagina facebook dell’autore)

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout