Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Interviste > Intervista a Mirko Russo sulla situazione amministrativa di Cancello ed (...)

Intervista a Mirko Russo sulla situazione amministrativa di Cancello ed Arnone

sabato 16 ottobre 2010, di redazione

CANCELLO ED ARNONE - Matilde Maisto intervista Mirko Russo, già candidato alle ultime elezioni provinciali e con un bel bagaglio politico alle spalle, nonostante la giovane età.

Giornalista: Sono trascorsi un po’ di mesi dalle elezioni provinciali alle quali ha partecipato, ha fatto un’analisi della sua esperienza? Com’è andata?

M. Russo: Certo che ho fatto un’analisi…, tra l’altro, subito dopo gli esiti elettorali, con un comunicato stampa, oltre a ringraziare gli elettori , commentai ( anche se in modo sintetico) un po’ quello che era stato il risultato elettorale. Personalmente credo che sia andato benissimo, oltre le aspettative, non dimentichiamo che uno degli altri tre candidati locali, (l’amico Agostino Frattasio) era ed è l’assessore ai lavori pubblici del nostro comune, con circa un decennio di esperienza diretta in politica, quindi, per me come si può facilmente immaginare, non è stato semplice. Qualcuno si aspettava un divario enorme in termini di voti, fra l’assessore ed il sottoscritto, ma le cose sono andate diversamente e gli elettori mi hanno premiato. Oltre al fatto che c’erano ancora altri due candidati nostri concittadini che comunque hanno racimolato un po’ di voti, oltre ai voti andati al candidato del PDL di Casal di Principe e soprattutto al sostegno spietato a favore del candidato dell’UDEUR (anch’egli di Casal di Principe ) da parte del vice-sindaco Di Puorto e di altri due assessori in carica.

Continuerà a fare politica e a candidarsi?

Innanzitutto bisogna distinguere il fare politica dal candidarsi, non sono la stessa cosa. Posso tranquillamente affermare che continuerò a fare politica, anzi voglio precisare che non ho mai smesso, invece per un eventuale futura candidatura nessuno lo può sapere, nemmeno io stesso, dipende da troppi fattori.

Il partito di cui è membro e cioè NOI SUD, sembra avere già divisioni interne, come mai?

Che cosa intende per membro?

Che fa parte della direzione locale del partito, o no?

Assolutamente no, precisiamo anche questo, io sono solamente un iscritto alla locale sezione di NOI SUD e alla fine di quest’anno, sicuramente non rinnoverò l’iscrizione. Divisioni interne? Beh, io direi vedute diverse, siamo in democrazia, ognuno è libero di far ciò che vuole, piuttosto ci si dovrebbe domandare come mai ci sono continui cambiamenti di opinioni in modo abbastanza trasversale, ma ripeto, siamo in un paese libero… !

Ci sta dicendo che non è più in buoni rapporti con il direttivo e gli iscritti di NOI SUD?

Sto semplicemente affermando che abbiamo vedute politiche diverse, soprattutto a livello locale/ comunale, per il resto restiamo sempre ottimi amici.

Che ne pensa dell’operato dell’amministrazione Emerito fino ad oggi?

Un fallimento totale, senza se e senza ma!

Lei è stato un sostenitore della lista “LA SVOLTA”, come mai questo giudizio?

Beh, Le posso dire che a mio modo di vedere, il voto in qualche modo è un investimento, ovviamente tutto si basa sulla teoria, sui programmi elettorali, anche se fra il dire e il fare ci passa di mezzo il mare…, diciamo che questo è stato un pessimo investimento, purtroppo. Ma per capirci ancora meglio, dobbiamo fare qualche passo indietro. All’epoca dell’amministrazione Emerito-Ambrosca, fui molto sorpreso dalle dimissioni dei consiglieri vicini ad Ambrosca, indipendentemente dalle motivazioni, tant’è che criticai questa scelta dell’area Ambroschiana con un comunicato stampa (in quel periodo ero presidente di Progetto Giovani ) e apprezzai molto la scelta di Emerito perché nominò come nuovi assessori molti giovani. Poco dopo si andò alle elezioni e senza nulla togliere all’amico Raffaele Ambrosca che era a capo dell’altra lista e che aveva governato in modo egregio per oltre 10 anni, scelsi di votare una lista di giovani, tutto qui. Come tutti sappiamo, le elezioni furono vinte dalla compagine di Emerito. Il mio non è un giudizio, ma solo una constatazione dei fatti, o meglio, una constatazione di quello che quest’amministrazione non ha fatto.

C’è qualcosa in particolare che non le piace di quest’amministrazione?

Io analizzo i fatti, non c’è qualcosa che mi può piacere o meno (personalmente parlando) e comunque non avrebbe importanza, bisogna analizzare solo l’operato. Vorrei ricordare che nei comizi pre-elettorali sono state pubblicizzate e propagandate tantissime cose, a conferma di ciò c’è il programma elettorale ed io mi riferisco solo ed esclusivamente a quello. Siccome siamo arrivati a oltre metà mandato io personalmente ho deciso di analizzare punto per punto quanto promesso a suo tempo, dalla lista “LA SVOLTA” . Essendo trascorsi circa 2 anni e mezzo da quando la nuova amministrazione comunale ha iniziato il suo cammino che dovrebbe durare 5 anni, siamo praticamente a metà mandato, e quindi, buona parte delle cose da fare/realizzare o cambiare, previste nel programma elettorale presentato agli elettori a suo tempo, dovrebbero essere state eseguite. Analizziamo il programma. Nella premessa mi salta all’occhio subito un passaggio: “ …esso si prefigge di ricondurre la qualità dell’Amministrazione pubblica a standards più elevati …”; Eccellente come premessa, questo significa che un comune, il nostro comune, di base, dovrebbe presentarsi con eccellenza nel contatto con i cittadini, con i servizi offerti, all’avanguardia, ma tutto ciò a me non risulta affatto, infatti è di facile intuito che si è da tutt’altra parte, basta pensare che il comune nonostante abbia commissionato un nuovo sito internet, è sempre “in costruzione”, mai ultimato, con pagine ancora vuote e dei riferimenti mail per i contatti che non sono attivi o che comunque non risponde nessuno ( provare per credere ), un ente che ancora non ha la posta certificata che aiuterebbe sia i cittadini che l’ente stesso nell’espletamento di tante cose, salvaguardando anche sprechi di denaro pubblico, che vuol dire soldi di noi contribuenti. Mi fermo qua…, non vado oltre in quanto, può ampiamente bastare perché chiunque possa capire quale sia il livello in termini di qualità del nostro comune.
Subito dopo leggo questo altro passaggio: “…antiche tradizioni contadine che devono essere aperte a feconde relazioni innovatrici”, bene, qualcuno mi spiega che cosa è stato fatto per queste”feconde relazioni innovatrici?
C’è un periodo importantissimo nella premessa: “La lista la svolta chiede che il potere pubblico sia più efficace nel governo del Comune, ma anche un’azione di controllo più presente da parte dei cittadini, per evitare scelte arbitrarie e/o diverse dal programma da loro accettato".
Queste parole invitano i cittadini a controllare che venga rispettato il programma elettorale ed io lo sto facendo… !

Ora veniamo ai punti

 AMBIENTE:

Si parla di riqualificare l’ambiente, di migliorare le condizioni ambientali e soprattutto di realizzare impianti per il recupero delle deiezioni bufaline. Onestamente non credo sia stato riqualificato proprio nulla, né tantomeno si è sviluppato qualcosa per il miglioramento delle condizioni ambientali nel nostro territorio, non si combatte nemmeno l’abbandono indiscriminato di spazzatura qua e là, nelle periferie del paese e sotto i ponti ferroviari, per non parlare degli impianti di recupero delle deiezioni bufaline, il quale se non erro era un vecchio progetto in via di sviluppo da parte delle amministrazioni guidate da Ambrosca e tale è rimasto.

-ASSETTO DEL TERRITORIO:

Il programma prevede un piano di sviluppo coordinato del territorio, ma da quello che mi risulta siamo ancora fermi al palo.

-ASSETTO ORGANIZZATIVO UFFICI:

Istituzione dello sportello SUAP. Mi dite dov’è ubicato codesto sportello?

Introduzione della filosofia organizzativa di processo customer/oriented. A parte il buon intento di questa cosa, siamo lontani anni luce da questo orientamento, anzi posso affermare che ad oggi siamo all’esatto opposto.

-RELAZIONI CON IL PUBBLICO:

Attivazione rete d’informazione ed interscambio fra la cittadinanza e l’amministrazione, al fine di promuovere modelli integrati di amministrazione partecipata. Istituzione di commissioni comunali per la partecipazione del cittadino alla definizione dei processi decisionali dell’ente. La rete di informazione fra la cittadinanza e l’amministrazione non esiste e non esistono nemmeno le commissioni comunali e non è stato creato assolutamente nulla in questo senso.

-SICUREZZA:

Implementazione delle risorse umane addette al corpo di polizia locale, istituzione di un corpo di vigilanza privata per il monitoraggio del territorio con convezione con i cittadini e videosorveglianza. Di nuove risorse nella polizia locale non ve ne sono, anzi in alcuni periodi mi è sembrato di vedere una sola unità oltre a quelli in servizio permanente, tra l’altro queste unità a tempo determinato risultano essere degli ausiliari al traffico che differiscono un bel po’ dagli agenti di polizia. La vigilanza privata non è stata istituita, ma comunque questo non può gravare sulle spalle dei cittadini in modo diretto, con convenzioni o quant’altro, di sicuro non può essere un punto da programma elettorale, visto che dovrebbe essere a completo carico dei cittadini. La videosorveglianza funzionava una volta, ora le videocamere sono li appese ai pali in attesa di essere ripristinate da qualcuno.

-COMPARTO LATTIERO CASEARIO

Costituzione di una fondazione per lo sviluppo del comparto, convenzioni con il mondo dell’università per la trasformazione delle criticità in elementi di opportunità per lo sviluppo del settore, costituzione di una centrale del latte, creazione di uno sportello comunale per l’allevatore, promozione degli investimenti tesi alla realizzazione di centri di ingrasso bufalina. Una fondazione fu costituita nell’occasione di una festa della mozzarella che poi è scomparsa dopo l’avvicendamento di un paio di presidenti, di altre fondazioni non ne ho notizia. Lo sportello dell’allevatore non esiste, come non esiste nemmeno un progetto per la centrale del latte, né alcuna promozione verso questo settore, anzi non si è fatto nulla per aiutare gli allevatori che hanno subito un grave momento di crisi, del problema “bufalino” se ne sta occupando solamente un’associazione chiamata “LAB” il cui presidente è l’Avvocato Ambrosca che paradossalmente è il capogruppo consiliare di opposizione al comune!

-LOTTA ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA:

Utilizzo delle aziende agricole confiscate e loro riconversione. Ho assistito a diversi incontri fra ente comunale ed associazioni contro le mafie, tanti buoni propositi, ma ad oggi non mi risulta che sia in atto alcuna procedura da parte dell’ente comunale per la gestione di qualche terreno confiscato.

-POLITICHE GIOVANILI:

Istituzione servizio informagiovani e sportelli per il servizio civile. Dov’è il servizio informagiovani? …e quello del servizio civile? A parte quello pubblicizzato qualche volta sui quotidiani.

-GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI:

Costituzione di società pubblica per la gestione dei rifiuti e riduzione della tariffa sui rifiuti. La società per la gestione dei rifiuti non è stata creata e soprattutto la tassa sui rifiuti è ancora la stessa se non addirittura più alta.

-MENSA E TRASPORTO SCOLASTICO

Estensione gratuita alla cittadinanza dei servizi di mensa e trasporto scolastico. Questo bel proposito è stato messo in atto solo ed esclusivamente il primo anno , grazie ad un misterioso benefattore che si fece carico delle spese, di cui non si è mai conosciuto il nome, poi stranamente si è passati a far pagare i servizi.

-INFRASTRUTTURE

Creazione di un’area pic-nic nell’area di Caricchiano, con chiatte galleggianti, giochi acquatici e pesca sportiva. Realizzazione di piste ciclabili nelle aree poderali etc; estensione della rete del metano nelle aree poderali; pubblica illuminazione nelle strade rurali; riqualificazione del centro storico; ammodernamento ed adeguamento degli alloggi popolari presenti sul territorio comunale; pianificazione del territorio in funzione della realizzazione dell’aeroporto di Grazzanise anche mediante la riqualificazione delle arterie principali del Comune. Se per area pic-nic si intende che al 25 aprile e 1 maggio di ogni anno si sfalcia l’erba e si va a fare una scampagnata allora ci siamo…, ma di chiatte galleggianti, giochi e pesca sportiva non esiste un bel niente, ci sono solo gli appassionati di pesca che con le loro canne, come sempre, vanno a spendere delle rilassanti giornate in riva al fiume. La rete del metano è sempre la stessa non vi è stata nessuna estensione e la stessa cosa vale per la pubblica illuminazione, anzi talvolta si è verificato che quella esistente non funzionava lasciando al buio le strade, venendo ripristinata con notevole ritardo. Il centro storico è lo stesso di sempre, forse andrebbe curato e pulito meglio e peggio ancora sono le strade del paese, con pali dell’illuminazione pubblica mancati, o in alcuni casi tagliati a metà e molto pericolosi per le persone e per i bambini in particolare, addirittura alcuni sono sprovvisti di messa a terra (PERICOLOSISSIMI) e non adeguati alla legge del 5/3/1990 n.46. Il centro servizi dove è dislocato anche il liceo è in uno stato pessimo, esternamente presenta scritte ovunque, vetri infranti, cabine elettriche aperte e pericolose, cancelli in ferro e materiali di ogni tipo abbandonati , altrettanto pericolosi e necessita di diverse opere murarie. Sul ponte Garibaldi ci sono le luci di Natale perennemente installate su quelle aste ove una volta sventolavano delle splendide bandiere, che sembravano dare il benvenuto a chiunque attraversava il nostro paese. Gli alloggi popolari presentano i problemi di sempre e nonostante le continue lamentele dei residenti, nulla è cambiato. Credo che l’aeroporto di Grazzanise non lo si possa nemmeno nominare, io personalmente credo di essere stato fra i primi ad avere l’onore di visualizzare il progetto preliminare e mi informo costantemente sull’evoluzione dei fatti, quest’amministrazione ha il primato di non presentarsi nemmeno alle riunioni organizzate dai sindaci dei comuni limitrofi a riguardo.

Visto che nulla o quasi è stato fatto di questo programma elettorale che è un contratto con i cittadini, penso che sia arrivato il momento di tornare a casa e darci la possibilità di scegliere ed investire su di una nuova squadra di governo.

Intervista a cura di Tilde Maisto

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout