Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Teatro > "Coscienze scadute", torna il lavoro del ’Teatro delle Folli Idee’

"Coscienze scadute", torna il lavoro del ’Teatro delle Folli Idee’

mercoledì 20 gennaio 2016, di redazione


Grazzanise - Dopo il concerto inaugurale di musica popolare a cura del gruppo ‘A luna nova, la compagnia ‘Teatro delle Folli Idee’ dell’associazione “Teens’Park”, apre la stagione teatrale riproponendo lo spettacolo ‘Coscienze scadute’. Uno spettacolo che ha fatto apprezzare la sensibilità e l’attenzione dei giovani allievi di Antonio Nardelli nei confronti di tematiche forti ed impegnative quali la Shoah.
Lo spettacolo, infatti, sarà un calarsi nell’atmosfera degli anni bui della Storia, affrontando la tematica del ‘genocidio della comunità ebraica, esaminando le coscienze dei massimi esponenti del partito nazista’. Con qualche variazione, dopo tre anni, la compagnia di Nardelli cercherà di nuovo di entrare nella coscienza del pubblico per riflettere sul messaggio del ‘no alla guerra ed al razzismo’.
Nardelli, autore e regista dello spettacolo, parlando di questa nuova versione di ‘Coscienze scadute’, ha commentato: ‘Se nel primo atto le vittime sono gli ebrei, nel secondo sono essi gli aguzzini’. La novità assoluta dello spettacolo di apertura riguarda gli interpreti, in scena gli allievi della scuola di Castel Volturno: Marica Bono; Giovanni Bifulco; Mario Camasso; Federica Chianese; Francesco de Simone; Ilde Diana; Ciro Masullo; Antonio Nardelli; Marco Papararo; Chiara Puglianiello; Lucrezia Rubino; Adele Russo. L’appuntamento, per non dimenticare, è per Domenica 24 Gennaio alle ore 19.00, Aula Magna scuola media ‘Can. F. Gravante’ di Grazzanise.
Un tema non semplice, affrontato in questo spettacolo, che sottolinea la volontà della scuola di teatro di Nardelli, di puntare sulla qualità piuttosto che sugli applausi per battute di effetto immediato. Un modo di fare cultura e di essere presenti nel sociale dimostrando che i giovani non sono insensibili verso ciò che la Storia insegna.

Co. Sta.

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout