Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Religione > Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria!

Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria!

Lettera aperta ai grazzanisani dopo lo sfogo amaro del Parroco di Grazzanise

martedì 16 settembre 2014, di Tiziano Izzo


Cari concittadini,
dopo essermi nuovamente tenuto in silenzio nel periodo della festa, mi rivolgo alle vostre coscienze di fedeli e di cittadini di Grazzanise.
Il patrimonio religioso è forse l’unica risorsa che ci rimane dopo il fallimento della locale politica che tenta con difficoltà di riemergere per aiutare il nostro paese ricco di talenti ma pieno di difficoltà e dove le divisioni non mancano.
Avendo saputo dell’amaro sfogo del Parroco Lauritano riguardo la modalità di svolgimento del rito religioso più importante di Grazzanise, cioè la processione dell’8 Settembre, vorrei far presente a tutti che questa volta non si possono più tollerare certi sacrilegi camuffati da devozioni personali o dall’esigenza di fare una bella festa.
L’Omelia di ieri è risuonata come un interdetto, quasi una scomunica alla comunità grazzanisana che non riesce a riprendersi l’antica festa dell’8 Settembre diventata un’idolatrica passeggiata dove più che una Regina la Vergine diventa una Mendicante di danaro e dove si distinguono pochi che fanno un pellegrinaggio del cuore e molti che si appropriano di una immagine sacra perché soddisfi i capricci del proprio io.

La processione nel Cristianesimo è l’immagine del cammino di un popolo che costruisce il regno di Dio. L’immagine di Grazzanise in cammino è alquanto disordinata, chiassosa, pietosa e deludente. In questi anni ne ho viste di tutti i colori, dai litigi sotto la sacra immagine, agli inchini personalizzati, passando per un itinerario senza senso con strade doppie e altre ignorate. In base a cosa viene fatto? Ai soldi? Alle necessità degli Ammalati? Dei lavoratori che il 9 Settembre lavorano? Delle famiglie con bambini piccoli? Di coloro che sono in periferia e che lasciano la casa sola a rischio di furti? Quale programma di preghiera viene seguito? Si hanno i soldi per far venire il vincitore di Sanremo (cosa che al sottoscritto fa piacere) e non per mettere una amplificazione o un servizio d’Ordine capace di garantire l’ordine spirituale e sociale?

Sono due anni che non partecipo alla processione per protesta silenziosa contro un modo di fare demagogico che accusò chi aveva l’oro e alla fine anche su questo non si è fatto nulla! Le solite promesse alla grazzanisana. La Madonna è del Popolo è stato detto. Ma si ricordi qualcuno che è Modello di Virtù non dei capricci del popolo, non è una popolana e non è giusto che l’ammalato che abita in centro paese non possa vederla. Un ammalato va a dormire nella prima serata. Non mi permetto di giudicare la devozione sia personale che di un popolo, non sono nessuno per giudicare ma come teologo e come cristiano devo dire che abbiamo modi eccentrici, fuori luogo e peggiori dei pagani di dimostrare la nostra fede nel Signore e la nostra devozione a Maria. I sacrifici pagani nella vicina Pompei o nei Campi Flegrei erano maggiormente ordinati e con una rigida gerarchia e disciplina dove regnava il silenzio e la solennità.

Qual è la gerarchia dell’8 Settembre? Quali titoli mostrano coloro che svolgono la processione, alcuni dei quali prendendo il sopravvento sullo stesso comitato? Un cammino di fede? Corsi particolari come operatori pastorali? E perché gli operatori pastorali grazzanisani non prendono posizione? Dove sono i numerosi laureati e laureati in teologia del paese, perché tacciono? Come mai il novenario e la processione di San Giovanni o la festa di Santa Massimiliana hanno toni fortemente religiosi e con una enorme partecipazione di popolo? Una festa si riconosce dai frutti, se i frutti sono malumore e divisione, la festa non è da Dio. Il Signore ci chiede di vivere nell’umiltà e nell’ascolto di tutti, in particolare degli umili, come ha fatto Maria nel magnificat.

E’ ascolto chiacchierare delle cose più assurde in Via A. Lungo mentre la Madonna percorre con quattro gatti le traverse private?
E’ comunità che la Madonna percorra i cortili privati? E’ rispettoso di una persona con malanni che si corra smodatamente perché si è in ritardo quando comunque qualcuno tocca il letto alle 4 del mattino? E’ comunità il tratto di via Crocelle dove l’immagine va da sola nelle traverse? E’ comunità il portarla fino a quasi Cancello ed Arnone di qualche anno fa? Questo è emotività e talvolta egoismo.

Proposi dei cambiamenti come il dividere il rito in due giorni o un triduo nelle zone e chiese del paese, idea cara anche al Parroco ma nulla ci fu pure chi fece la lezione. Sono stato criticato aspramente ma il sostegno non mi è mancato, anche perché non mi sono mai messo soldi in tasca né vantato di quello che facevo. In tantissimi paesi d’Italia vengo chiamato ad organizzare feste di diverso genere e da molti sono riconosciuto ed apprezzato. Non è possibile che quei pochi che si impegnano a pregare non trovino seguito e che soltanto quando io mi imponga tentando di dare una parvenza di animazione e di ordine le cose sembrano andare un poco meglio. Non è rispettoso nei loro riguardi. Se non vi piace fatevi avanti, cambiate voi giovani lo stile come si è fatto per il Corpus Domini.

Lo scorso 8 Settembre si è ripetuta una esperienza che a molti è piaciuta a tanti, tantissimi no. L’amore cristiano ci impone di ascoltare tutti, in particolare i sofferenti che non possono godere delle nostre stesse condizioni. Propongo perciò, facendo eco alle parole del Parroco Lauritano, di organizzare una giornata Mariana per gli ammalati davanti all’immagine della Madonna con una fiaccolata questa volta ordinata, come avviene a Lourdes ripristinando così le candele e il canto dell’Ave Maria con la lettura di brani evangelici e di testimonianze di giovani e consacrati. Sarà la giusta riparazione a ciò che dell’8 Settembre non è andato bene e si trascina come un malanno spirituale da anni. Ripeto: tanto di rispetto per la fede e la devozione personale di ciascuno ma quando si esprime collettivamente essa deve essere necessariamente normata dalla Chiesa e a questa si deve obbedienza non per timore ma per amore verso Colei che è la Madre della Chiesa. Immaginate una schiera di candele davanti alla Madonna che procedono pregando e cantando in modo ordinato, un breve tratto fatto con gli ammalati, la raccolta di offerte per i poveri, vi assicuro che molti di voi si sentirebbero felici e una pioggia di grazie cadrebbe su Grazzanise.

Invito pertanto le persone a rendersi disponibili presso il parroco per onorare Maria come un segno di cambiamento prima personale e poi collettivo. Riprendiamoci la vera festa della Madonna!

Prof. Tiziano Izzo

Rispondere all'articolo

 

12 Messaggi del forum

  • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria!

    16 settembre 2014 17:02, di paparente

    Ho provato , ma non ce la faccio!

    Non riesco a condividere l’INDIGNAZIONE post-processione Madonna di Montevergine !

    Se vi deve essere una rinascita, l’indignazione vi deve essere anche in tante altre occasioni (matrimoni, battesimi, comunioni, cresime ecc. che sembrano uno spettacolo di Maria De Filippi.....“Uè cia’ comm stai? a casa tutt’ a post? uanm e vist ci sta in chiesa pur chell che se ne fuit cu chill?”).

    Io la Chiesa la frequento ma spesso sono preso da una amletico dubbio come Pilato, nel film Gesù di Nazareth, quando il popolo chiede la liberazione di Barabba. Un soldato avvicina Pilato e gli dice: “Non possiamo liberare Barabba è un pericolo per Roma”. Pilato volge lo sguardo verso Gesù e dice: “Mi chiedo chi sia il vero pericolo per Roma”.

    Ecco io mi chiedo qual è il modo giusto di vivere la fede ......quello sfarzoso ed a volte ridicolo di certe cerimonie dentro la chiesa........ o quello "scatasciato" ma per certi versi molto umano della processione della Madonna di Monteveregine......

    Posso solo dire che ancora una volta cerchiamo ciò che ci divide ( pro e contro processione) e non ciò che ci unisce.......costruiamo sempre muri.......mai ponti.....

    A tal proposito è significativo lo striscione del PD locale sul ponte........4 e 5 ottobre festa dell’Unità ............Unità.........AZZ......festa dell’unità?...... mi sembrano i coniugi della GUERRA DEI ROSES!

    Rispondere al messaggio

    • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 17 settembre 2014 10:28, di Tiziano

      Hai ragione ma dovresti sapere che lo stessa modalità è amplificata nella processione della Madonna.

      Es: "Jamm a verè a casa e chell....u chist’ann se fatt a cucin a nov...stavot a mis o piezz e argent...."

      " A Maronn m’addà venì a benericer a casa nov...-e a qualcuno che gli fa notare che forse non è possibile- si venit ce stann e sord pe vuj se no nun vi rong!".

      Quanto poco sfarzo nell’abbassare la Madonna per la prima cento euro davanti alla Chiesa, quanto poco sfarzo di gente che non contribuisce alla festa civile e non da un soldo alla manutenzione del Santuario ma blocca la processione per far sparare un costosissimo fuoco.

      Quanto è umile quel manto della Madonna pieno di Soldi!

      Quant’è superba l’offerta umile della vedova fatta nel silenzio....

      Meglio Maria De Filippi che la buonanima di Concetta Mobili che ti mostra la mobilia, il corredo e l’inciucio compreso.

      Ricordo un anno, andavamo verso il Mulino si cambiò spudoratamente l’itinerario della processione perchè una famiglia di Grazzanise ( si fa per dire) doveva ritornare nella città dove ora risiede. Ed era tardi.

      INCREDIBILE ERA TARDI PER LORO E NON PER L’AMMALATO CHE A RET O PARC ASPETT!!!

      Quanta umiltà e modestia citare ogni anno i soldi che arrivano da Gardaland...

      Riguardo al PD, mi verrebbe da dire alla Di Pietro ma in napoletano " che c’azzecc?" ma se ben ricordo si fece paladino dell’Oro della Madonna, altra clamorosa bolla d’acqua perchè il nostro paese ha bisogno di PADRONI

      Della Chiesa, Dell’Oro, Dell’Uscita e trasporto in soli alcuni momenti della Madonna, E Di tanto altro....

      Ripeto non giudico la fede di nessuno ne l’impegno di nessuno ma tutto ciò può essere regolato e moderato e a queste cose va dato un nome ben chiaro e preciso: abusi.

      Che poi accadano tanti altri abusi sono d’accordo. Ma siccome la processione della Madonna è un rito che ci vede tutti d’accordo nel trasmetterlo ai pari. Io mi domando è meglio trasmettere questo rito scatasciato o il rito dove partecipavano decine di sacerdoti in mezzo alle file oranti con le candele? Oggi il problema della cera non si pone neanche più.

      Quando qualcuno di questi Signori morirà bisognerà portare la Madonna al cimitero come ho sentito dire in giro?

      Oppure non è più bello portarla ai nostri poderi come segno di vicinanza e attenzione ai lavoratori e allevatori delle nostre aziende in difficoltà in giorno particolare?

      Rispondere al messaggio

      • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 17 settembre 2014 11:27, di paparente

        la battuta sul PD è per far comprendere come il nostro paese dalla religione alla politica è perennemente diviso da anni. Non si riesce mai a raggiungere UNITA’ per migliorare la nostra realtà (siamo un piccolo paese e se siamo divisi su tutto e tutti non verremo mai ascoltati nelle stanze che contano!!).

        In merito alla processione ripeto la mia opinione: faccio fatica a comprendere tanta indignazione!

        Anche se si dovesse fare come chiede Don Peppino o come desiderano in tanti.........ci saranno sempre critiche.......è nella nostra natura fin dai tempi di Nostro Signore..........

        Dal Vangelo secondo Luca

        In quel tempo, il Signore disse: "A chi posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: "Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!".

        È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: "È indemoniato". È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: "Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!".

        Rispondere al messaggio

      • CREDO CHE SIA GIUNTO IL TEMPO DI CACCIARE I MERCANTI DAL TEMPIO.

        Non sono credente, ma rispetto tutte le religioni e quello che si vede fare "in onore di Maria Vergine a Grazzanise non esiste in nessun’altra fede.

        Mi sembra che si chiami "simonia".

        La "Madonna" non è del popolo sovrano, appartiene ai credenti, quelli veri, e non a quelli del solo 8 settembre.

        Anche la Chiesa in tutto ciò ha le sue responsabilità, a prescindere dallo sfogo di Don Peppino.

        Rispondere al messaggio

        • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 17 settembre 2014 19:02, di Tiziano
          INDIGNARE COME SINONIMO DI AMARE Paolo è proprio per il senso teologico che Gesù da a quel passo evangelico e con cui sempre la Chiesa lo ha interpretato che dobbiamo pregare e fare riti festosi ma che piacciono a Dio. Non dobbiamo piacere agli uomini ma a Dio, la vera processione è quella del cuore. Non dobbiamo neanche fare processioni che piacciono a don Peppino, figuriamoci! Sono sicuro che molti già lo fanno quel pellegrinaggio del cuore nel mezzo di quello che tu chiami scatasciamento...ma perchè non aiutare tutti a viverlo come sono stato aiutato io da piccolo. Le processioni erano catechesi per i bambini. Oggi molti ridono...la Chiesa dovrebbe interrogarsi sulle modalità di comunicazione che porta avanti. E’ impossibile durante l’8 Settembre non vedere gente che piange, occhi che incrociano lo sguardo della Madre e persone devote. E’ innegabile non vedere anche la buona fede di molti. Da parte mia non vi è indignazione intrisa di astio ma di sincero affetto per tutti consapevole che tutti amano la Madonna. Voler dare solo un minimo di ordine a coloro che ancora non ne comprendono la preziosità servirà a far gustare quella stessa atmosfera dei grandi santuari. Oggi la Parrocchia deve essere un Santuario di preghiera e carità perchè non si hanno i fondi per andare a Lourdes neanche. Al signore che dice che la Madonna non appartiene al popolo sovrano è verissimo, essa è Sovrana dei credenti che la riconoscono come tale e ha dei ministri ben precisi come i sacerdoti, che questi abbiano sbagliato e contribuito a creare alcune falle grazzanisane è fuor di dubbio. La responsabilità infatti non la do al comitato che nella sua semplicità cerca di accontentare tutti ma anche a coloro sedicente gente di chiesa che non presta la sua vocazione per aiutare tutti a vivere una esperienza mariana autentica che esige il riappropriarsi di un santuario che è vergognoso che sia aperto solo la domenica mattina. Qua bisognerebbe dire che Maria è del Popolo in quanto madre di tutti, credenti o meno. Essa non è donna di Elezioni ma Donna di Elezione alla Santità e alla Carità. Però quello che mi dispiace è che in queste occasioni sia sempre e solo tu con qualche altro gatto a commentare....finita la festa gabbatu lu Santo..ops " a Maronn"

          Rispondere al messaggio

  • Caro Tiziano, molte sono le cose che ci sarebbero da modificare, molti sarebbero gli aspetti da analizzare, non concordo in molte cose che hai detto ma in altre la penso esattamente come te..... purtroppo da noi c’è la "politica del criticare", chi "NON FA’" non sbaglia "MAI" e si prende pure il lusso di criticare placidamente seduto da casa sua. "CHI FA’" invece lascia del tempo da dedicare agli affetti, alle cose personali, alla famiglia e perchè no, al sedersi davanti a un pc e criticare "CHI FA’", per dedicarlo al "FARE", giusto o sbagliato che sia, opinabile o meno, e dedica del tempo anche per chi un giorno sarà li a criticarlo, per fargli passare 3 belle serate di festa. Ma ricorda c’è sempre "CHI FA’" e "CHI NON FA’". Io ti consiglierei di cambiare la tua modalità di fare. Caro Tiziano le lettere aperte le fanno i politici, le fanno i sindaci, tu sei un comune cittadino, non sò più se nemmeno grazzanisano, lascia perdere questi tuoi atti da supereroe, non servono a nulla. Se hai qualcosa da dire a qualcuno esistono i telefoni esistono le mail private, mò pure whatsapp, esiste il parlare in faccia alle persone. E soprattutto ti ricordo esiste "IL FARE". Se proprio ci tieni, molla i tuoi impegni, molla il tempo che puoi dedicare ai tuoi affetti e alla tua famiglia, molla un pò la tastiera per scrivere e "FAI" servirà di più! P.S. Non parlare di soldi percepiti.... sò di per certo che una quota di euro 100 ogni anno che sei stato lì a pregare durante la processione non l’hai mai rifiutata! Grazie dell’attenzione.

    Rispondere al messaggio

    • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 18 settembre 2014 00:21, di Tiziano
      caro il mio anonimo e povero interlocutore, se avessi avuto un minimo di coraggio ti saresti firmato, anche se è prevedibile immaginare chi tu sia. Soprattutto perchè non ti è chiaro che la legge e la prassi permettono lettere aperte da rivolgere a chiunque. E che questi sono grandi strumenti di democrazia e di espressione della volontà popolare. Non so da quale scuola politica grazzanisana esca fuori il fatto che le lettere aperte non le possono scrivere i cittadini, soprattutto cittadini che come me si sono spesi con atti concreti su molti versanti soprattutto culturali nel nostro paese e in modo del tutto gratuito. Non ti conviene dire che sono un tipo attaccato ai soldi perchè non ti crederebbe nessuno. Non mi vedi girare con macchinoni, ne con vestiti firmati, ne ho mai arricchito la mia famiglia se non con un titolo di studio sudato e meritato. La famosa quota di cui tu parli non è stata mai chiesta o pretesa dal sottoscritto ed è una libera scelta del comitato su suggerimento del parroco a quello che dovrebbe fare un sacerdote o animatore di preghiera. Tra i tanti sprechi qualcosa di valido si faceva. L’ho sempre utilizzata per scopi pastorali e per pagare il biglietto del treno come molte persone sanno, visto che lo stipendio come precario non mi arriva subito. Ergo moltissime persone vengono pagate per tante cose che fanno ma su richiesta loro. Io non ho mai chiesto nulla a nessuno. Degli anni per esempio per dare un ordine alla processione si sono comprate delle fiaccole, altre volte le ho comprate io, così come molta gente sa quanto io mi spenda in energie e buona volontà. Sulla questione di Grazzanisano o meno, non toglie il fatto che tu con il tuo messaggio hai cercato goffamente di gettare fango sulla mia persona, io con la mia risposta ti ho fatto capire che parlo così in faccia che non ho paura di spiegarti il motivo del non rifiuto e come non ho paura di spiegartelo qua, non avrò paura neanche di spiegartelo nelle sedi di legge se dovessi far pensare altro che esula dalla mia rettitudine morale. Stai parlando con la persona sbagliata che oltre scrivere , fa e non si comporta da eroe. Tra i due chi non si firma sei tu. Anzi ti ringrazio per aver tirato fuori l’argomento così mi hai dato modo di chiarire e ripeto, se non ti è chiaro, stima per chi fa e organizza pur sbagliando ma ciò non vuol dire che non si possa cambiare e migliorare. Cordialità.

      Rispondere al messaggio

    • Gentilissimo concittadino , sono d’accordo con te quando dici che da noi c’è LA POLITICA DEL CRITICARE! Non vedo cosa ci sia di anormale quando SOTTOLINEI i 100€ che Tiziano Izzo AVREBBE "percepito" per le sue preghiere, quando adesso si paga quasi tutto e dico quasi TUTTO, iniziando dalla curia ( che fà parte sempre della chiesa ), fino ai matrimoni che fanno parte sempre della chiesa (tu quando ti sei sposato non dirmi che non hai fatto un’offerta alla chiesa?). Non credo che si possa giudicare qualcuno se non si conoscono fino in fondo come sono andate le cose e non si conosce la persona del perchè lo ha fatto, del COME LO HA FATTO, e PER CHI LO HA FATTO: sei così sicuro di quello che hai scritto? Non credo che tu ti renda conto di cosa hai scritto, visto che hai aperto il tuo commento scrivendo che esiste la POLITICA DEL CRITICARE e mi dispiace dirlo, è propio quella che hai usato tu! Esiste al mondo un valore che nessuno dovrebbe permettersi di criticare che si chiama LIBERTA’ DI PAROLA e DI PENSIERO! Sia tu che Tiziano , avete espresso un vostro pensiero con una PICCOLA DIFFERENZA, che lui anche se ha espresso un PENSIERO TOSTO sù una cosa che sappiamo tutti che esiste, tu invece hai giudicato SENZA CONOSCERE REALMENTE come sono andate le cose!!!! Cerchiamo di usare più la testa quando bisogna esprimere un pensiero, senza correre il rischio di offendere nessuno!

      Rispondere al messaggio

      • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 18 settembre 2014 09:35, di Tiziano
        Forse lui quando si è sposato no. Perché sarà parente di qualche prete che quando viene a celebrare la messa non rifiuta il giusto obolo e fa bene perché così facendo si da il giusto valore alle cose e agli sforzi. Riguardo poi quest’argomento credo che avrebbe dovuto rimanere cosa privata come la maggior parte delle scelte di un comitato altrimenti bisognerebbe esporre tutto il bilancio. Visto che è stato citato è bene dire che per una processione o festa religiosa si pagano i diritti di curia che giustamente servono a tutelare la natura religiosa della cosa. Che la gente sia d’accordo o meno è un’altra questione. Io non ho mai chiesto nulla e sanno benissimo come faccio le cose per passione. Ho sottratto di tempo agli affetti ricevendo il calore di Dio e della bella gente del nostro paese. Perché è anche mio e di tutti gli immigrati offesi da certe parole dette senza cattiveria ma con superficialità. Ricordo che le feste sono nate anche per essi. Io poi non ho mai criticato la festa civile. Ho sempre apprezzato impegno dei giovani e la rettitudine morale del comitato ma aver detto ciò qui e con altri post su Facebook mi fa capire che qualcuno in esso preferisce le porte in faccia chiuse dalla gente e la critica volgare di alcuni e silenziosa di altri.. Io non sono quel genere di persona.

        Rispondere al messaggio

  • Tiziano, a me dei 100 euro che ti hanno dato non me ne frega assolutamente niente. Ma il tuo passaggio che dice, in una lettera aperta ai cittadini, "non ho mai percepito denaro",è totalmente falso! Capisci? Almeno abbi la bontà di non scriverlo. Puoi fare tutti i paragiri che vuoi, ma se lo hai scritto doveva rappresentare verità e non lo è. Come li hai spesi, beh questi sono problemi tuoi. So anche che un anno oltre i 100 euro ti sono stati rimborsati anche i soldi per il biglietto del treno. Ma è giusto, per carità, come diceva anche l’altro amico nel commento di prima, oggi si paga tutto. Ma non scrivere al mondo intero che non hai mai percepito denaro. Che tu non li abbia richiesti, questo non cambia che li abbia presi. Il nostro caro parroco per chi non lo sapesse percepisce €2300 per le spese di curia. La Madonna in quel caso non ha fatto la pezzente pure per lui? Non ha fatto la pezzente pure per pagare le "spese di curia"? Ma voi che volete? Sono 50 anni che la processione si svolge così. L’itinerario è lo stesso non sò da quanto... Sfido gli abitanti dei vicoli crocelle e sambuco, quelli di via alberolungo, quelli del mulino, tanto per fare degli esempi, a non condividere la gioia con tutto il resto del paese, di vedere l’effige della Madre Celeste, attraversare le proprie strade. La processione è questa, che lo vogliate o no, la Madonna la vogliono tutti, non c’è verso, chiamatelo come volete... L’ 8 Settembre è Sacro, è tradizione, il primo che rivoluzionerà questa giornata, sarà additato come "profano". Io la voglio così, lunga, intensa, la voglio con la Madonna che passa in tutte le strade e sò che tutto Grazzanise la vuole così. Non si prega?? Non è vero.... Tiziano tu non c’eri, dietro alla statua della Madonna c’erano delle ragazze che hanno dato l’anima e la propria voce per far si che quella fosse una vera processione, si cantava e si inneggiava alla Madre Celeste a volte la banda rimaneva estasiata a sentire la voce delle persone che cantavano e pregavano. Non c’era un parroco o un autorità ecclesiastica che regolasse il culto della preghiera. Dove stavano?? Io ho visto solo un vigile vestito di nero che ogni tanto si fermava da qualche parte per prendere spunto e criticare la domenica successiva in chiesa. Voglio vedere i preti alla processione. Se quei 2300€ servono per le spese ecclesiastiche, ma che si paghino dei preti per venire a pregare. Avete mai visto le processioni a Bellona e Vitulazio?? Si esce alle 7 di mattina e si ritorna a mezzanotte!!!! Chi si lamenta??? NESSUNO. A Bellona addirittura la Madonna lascia le strade cittadine per immettersi in quelle di campagna fino ad arrivare a TRIFLISCO!!! Ma di cosa stiamo parlando?? Le offerte alla Madonna durante la processione cari lettori... SONO SPONTANEE!! Nessuno mette una pistola nei fianchi alle persone intimandole di mettere soldi al manto o nella cassetta. Le persone lo fanno di Spontanea volontà! Sono 50 anni che si fà così. Ma cosa volete cambiare? Come ha detto qualcuno, se il film non vi piace, NON GUARDATELO!!!!! C’è un settenario che precede la processione che raccoglie ogni sera centinaia di fedeli. Ma in quale altra festa lo vedete tutto questo attaccamento? Tiziano parlavi del forte tono religioso delle feste di Santa Massimiliana e di San Giovanni.... sei sicuro che c’è più partecipazione di popolo? Vai a guardare e poi parli. Il Santuario di Via Montevergine la sera è stracolmo durante il settenario. La chiesa alle 4 quando esce l’effige è Strapiena per non contare chi c’è fuori. All’una e un quarto (perchè questo è il vero orario di rientro) via E. Lauro e piazza Montevergine, diventano un fiume di gente, Gli applausi che si sentono quando La Madonna rientra in chiesa sono immensi. Vieni a vedere Tiziano, e poi fai le tue lettere aperte. Tiziano tu non c’eri!!! E ti prendi pure il lusso di parlare!!! La processione deve essere più ordinata, questo è vero! Bisognerebbe riempire una lista con i nomi di volontari che vogliono portare l’effige, creare delle squadre e ad estrazione lasciare al fato decidere quali sono le strade che queste squadre dovranno percorrere. Così nessuno può dire ci sono i padroni a portare la Madonna. Ma la processione è bella così. Con il suo itinerario lungo e faticoso, con quel fiume di gente che quando ti giri vedi tutta via oberdan piena. Chi non c’era non può capire i brividi che ti mette addosso. Tiziano con questo chiudo e non rispondo più a niente, un consiglio, chiudi il computer, vieni a Grazzanise e se hai da dire qualcosa a qualcuno, dillo in faccia, tanto nessuno ti mangia, siamo in piena democrazia e tra persone adulte. E per tutti..... se avete da dire qualcosa a qualcuno, fatelo in faccia. Non mi firmo perchè è un mio diritto non farlo!

    Rispondere al messaggio

    • Riprendiamoci l’8 Settembre e la vera Devozione a Maria! 18 settembre 2014 14:16, di Tiziano
      Magari si facesse come a Bellona e Vitulazio. Feste fatte benissimo che hanno anche avuto l’onore che un parroco diventasse vescovo. Non ho mai detto di non fare offerte o di non portare la Madonna in un posto. Tanto di rispetto per lè persone che pregano a cui ho accennato pubblicamente con un encomio anche sulla bella processione del Corpus Domini. Non ricordo di aver avuto rimborsi. Se li ho avuti. Dio grazia. Ma la citazione del non essermi messo soldi in tasca vuol dire semplicemente che non mi sono aricchito facendo quello che faccio e con quella miseria datami che sputtanata pubblicamente perde nel suo vero significato e qualifica il vero senso. Certo che verrò magari con un’assemblea pubblica dove si parlerà liberamente e con rispetto.

      Rispondere al messaggio

    • Carissimo concittadino, leggendo queste tue parole "IO LA VOGLIO COSI’, LUNGA, INTENSA, LA VOGLIO CON LA MADONNA CHE PASSA IN TUTTE LE STRADE E Sò CHE TUTTO GRAZZANISE LA VUOLE COSì", ho potuto costatare che forse hai dimenticato un piccolo dettaglio: che la statua della Madonna NON E’ TUA e tanto-meno la processione è di tua propietà! Non riesco a capire con quale DIRITTO MORALE hai potuto esprimere questo pensiero, forse solo per LA LIBERTà DI PAROLA che ognuno di noi ha, ma non perchè potrebbe essere altrimenti. Ti contraddici quando parli della Madonna e dici CHE è DI TUTTI, ma in questo caso per come ti sei espresso, tu dici che la M. di MONTEVERGINE (processione) SAREBBE DI TUA PROPIETà, ma l’unica ipotesi a cui posso pensare del perchè tu l’abbia scritto, è forse solo perchè tu abbia il POTERE di farlo? Non prenderti quello che NON è TUO perchè se tanto ti piace, potresti acquistare una statua uguale e metterla nel tuo giardino di tua propietà: in questo caso avresti i diritti sopra citati. Questo continuo "attacco" a determinate persone e sù determinati argomenti VERI o NON VERI, è FUORI LUOGO averlo fatto sù un giornale, SPUTTANANDO cose e dettagli che forse solo chi ne è a conoscenza in 1’ persona può sapere, quindi non credo che tu ne abbia fatto UNA BELLA FIGURA agli occhi dei cittadini, perchè continui a parlare di soldi, definendo la Madonna UNA PEZZENTE: ma è UNO SCHERZO?, non ti sembra di aver esagerato e di aver passato il limite della decenza? In un’altro punto, dici che LA MADONNA LA VOGLIONO TUTTI e che TUTTO GRAZZANISE LA VUOLE COSì (la processione così lunga): non credo che tu possa parlare A NOME E PER CONTO DI 7,000 persone! E’ vero, siamo in piena democrazia, ma questo non dà diritto a nessuno di OFFENDERE anche se si può aver ragione, e che siamo tra PERSONE ADULTE questo non lo sò, dopo i termini che hai usato per esprimere un tuo "punto di vista": tutti possono dire "la loro", ma senza sfociare nell’offesa. Io quello che avevo da dire, l’ho detto quà anche se è un modo che non condivido, ma visto le tue affermazioni, non ho potuto farne a meno...! P.S.: NON MI FIRMO PERCHE’ E’ UN MIO DIRITTO NON FARLO!,

      Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout