Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > N. O.: "Chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere svoltiste!"

N. O.: "Chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere svoltiste!"

sabato 22 maggio 2010, di redazione


GRAZZANISE - Questo il testo di un volantino diffuso dal gruppo Nuovi Orizzonti Giovani nel pomeriggio di oggi in concomitanza con la raccolta firme.

Chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere svoltiste!

Intitolare una strada ai giudici Falcone e Borsellino ! Il gruppo giovanile di Nuovi Orizzonti lavora da circa un mese a questa proposta, impropriamente definita “datata” dal consigliere comunale Enrico Parente, una proposta nata dal basso, nata nella consapevolezza che in dieci lunghi anni sono state fatte tante chiacchiere e pochi fatti concreti nella direzione della legalità.
In primis; la nostra petizione è una e non tre. Questo lo sa bene il consigliere Parente, visto che al comune di Grazzanise è stata protocollata ufficialmente solo la richiesta per tale petizione indipendentemente da quanto pubblicato da vari organi di stampa. Le altre due petizioni (piazzale Nassyria e consigli comunali al fine settimana) sono ancora in fase di studio. Per quanto riguarda la prima, la passata amministrazione ha solo deliberato con la delibera 134 del 08/10/2009 una volontà di intitolazione…noi ne proporremo una effettiva realizzazione…non chiacchiere, ma fatti!
Secondo elemento; la petizione è diretta al Sindaco Pietro Parente e non al consigliere padre ex sindaco Enrico Parente.

Chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere svoltiste!

Terzo elemento; il consigliere Parente non ha nessun titolo per menzionare pubblici e rispettabili personaggi che nulla hanno a che fare con le sue sterili ed inutili chiacchiere. Non esistono trattative, né scritte né verbali con le forze dell’ordine.
Quarto elemento; in merito alle riunioni dei consigli comunali da svolgersi nei fine settimana, proposta al momento nemmeno presentata, Parente dimentica che nelle migliaia di comuni italiani in cui i consigli si riuniscono nel fine settimana ad uffici comunali chiusi, non vi è nessun problema organizzativo e si da la possibilità ai cittadini di partecipare attivamente alla vita politica locale.
Infine, siamo esterrefatti dalla pochezza delle risposte dateci dal consigliere Parente e soprattutto dalle continue distorsioni regolarmente create da alcuni organi di stampa locale: vedi la breve pubblicata dal Corriere di Caserta il 21 maggio nella quale l’organizzazione della partecipazione alla Festa della Repubblica a Roma viene attribuita non al gruppo giovani bensì ai consiglieri comunali di opposizione, impegnati invece in una meticolosa opera di controllo della dubbia attività amministrativa svoltista.

Chiacchiere, chiacchiere e ancora chiacchiere svoltiste!

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout