Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Religione > A cura dei ragazzi dell’Associazione "I. Giorani", in preparazione la V (...)

A cura dei ragazzi dell’Associazione "I. Giorani", in preparazione la V edizione del Presepe vivente

martedì 24 novembre 2009, di redazione


FRANCOLISE - Grazie all’intraprendenza e al senso della comunità dei giovani dell’Associazione cristiano-culturale "Igino Giordani", di Sant’Andrea del Pizzone, da quattro anni a questa parte, quella della rappresentazione vivente della Natalità del Signore è diventata, per tutti i loro compaesani, una consuetudine tra le più attese del periodo.

E’ di domenica scorsa la notizia che, anche in occasione del prossimo Natale, si terrà la tanto attesa manifestazione. L’argomento, amplificato dalla circostanza che, nel corso della Santa Messa mattutina di domenica scorsa, il Parroco della comunità religiosa facente capo alla Chiesa di San Germano Vescovo e Maria SS del Rosario, Don Peppino Sciorio, ha offerto la possibilità ad un membro del sodalizio in oggetto, Agata Di Stefano, di prendere la parola e così assicurare ai fedeli andreolani che "si sta lavorando alacremente all’allestimento della quinta edizione del nostro Presepe Vivente. Il Signore viene in mezzo a noi per mettere le basi per la salvezza nostra e di tutto il genere umano e noi vogliamo dare un segno che siamo pronti ad accoglierlo. Con l’aiuto del nostro Don Peppino, ha concluso la Di Stefano, speriamo di fare bene anche quest’anno".

Intanto proseguono le iniziative atte a reperire fondi per le notevoli spese che l’evento richiederà. Si è iniziato domenica scorsa con l’offerta di dolci e dolcetti della tradizione locale in cambio di un piccolo lascito in denaro.
Anche Don Sciorio ha annunciato novità per il prossimo Avvento e le successive festività. Anche lui, che, per il momento, non ha rivelato maggiori particolari sul suo pensiero, ha affermato che "come comunità orante in attesa, siamo chiamati a testimoniare in maniera forte e tangibile che attendiamo trepidanti e con la giusta predispisizione di spirito la venuta del Dio Bambino nella nostra vita. Altrimenti che cristiani saremmo?"

Daniele Palazzo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout