Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Pd - Senso Civico: siglata la prima alleanza per le amministrative

Il circolo di Ciliento e il comitato di Petrella uniti da 3 punti cardine

Pd - Senso Civico: siglata la prima alleanza per le amministrative

Il Pd vuole un processo ancora aperto. Senso civico chiude a Nuovi Orizzonti

giovedì 18 settembre 2014, di Peppe Florio


GRAZZANISE – E alleanza fu: sono il Partito democratico del segretario Rosario Ciliento e il comitato Senso Civico i primi ad ufficializzare il proprio matrimonio in vista delle prossime elezioni comunali, previste in primavera. “Il Partito democratico ha ben chiaro che nell’affrontare le prossime elezioni amministrative ci sia bisogno di un radicale cambiamento di metodo rispetto al passato: riteniamo che le idee e i programmi vengano prima dei nomi o dei simboli, riteniamo che le liste non debbano essere costruite come sterili sommatorie di voti, ma i nomi debbano essere solo l’incarnazione di un progetto più ampio che possa ragionare sul riassesto e sullo sviluppo di questo territorio, un progetto a lungo termine che ci permetta di risollevare le sorti della nostra città” dichiara Ciliento, che si trova supportato in questa visione dai membri del comitato. Da Senso Civico, infatti, ribattono con “Questo processo di democratica convergenza ha trovato terreno fertile tra le anime delle due compagini che da sempre sono impegnate sul territorio nella ricerca e nell’affermazione del bene comune”. Per il momento si tratta di un’alleanza programmatica, ma non si sarebbe ancora parlato di nomi o di candidati a sindaco.

Pochi e fondamentali i punti cardine su cui i due gruppi hanno fondato la propria alleanza:

- necessità di un netto cambiamento rispetto al passato, che possa portare aria e idee nuove, senza dimenticare le esperienze che in questi anni hanno rappresentato un ruolo nettamente critico nei confronti della scorsa amministrazione

- chi amministrerà il nostro paese dovrà avere come priorità il bene comune e non l’interesse di pochi

- la trasparenza e la legalità devono essere prerogative imprescindibili della prossima azione di governo

Per il Pd, il progetto deve rimanere aperto e capace di includere quante più forze possibili, “cercando nelle compagini che hanno a cuore le sorti del nostro territorio, la disponibilità al dialogo e all’aggregazione, sempre partendo da dei principi che sono quelli del metodo e del programma”. L’idea di Ciliento e dei suoi, quindi, sembra essere quella di una grande coalizione che possa diventare competitiva dal punto di vista elettorale, una grande macchina di idee a cui, oltre ai gruppi già dati per possibili vincitori, possa unirsi anche chi, come il Pd, sa di avere una forza elettorale bassa.

Dal progetto, però, sembra potersi considerare già fuori “Nuovi Orizzonti”, che nell’incontro ufficiale della scorsa settimana era stato proposto da Paolo Parente. Lo stesso Enrico Petrella, presidente di Senso Civico, si è detto contrario. L’idea di Parente, infatti, prevedeva uno schieramento con due pezzi grossi (il movimento di Federico Conte e il comitato di Petrella) e il Partito democratico a fare da collante tra queste due realtà spesso in opposizione tra di loro.

Peppe Florio

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout