Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Cronaca > L’Agente di P.M. G. Florio interviene con una nota sulla discussione avuta (...)

L’Agente di P.M. G. Florio interviene con una nota sulla discussione avuta con l’ex sindaco E. Parente

sabato 10 aprile 2010, di redazione


GRAZZANISE - Nei giorni scorsi era corsa voce di un alterco tra l’ex sindaco Enrico Parente ed agenti della Polizia Municipale. Nei capannelli non si parlava d’altro anche se il sentito dire non trovava riscontri certi né sulla identità dei protagonisti né sul contenuto e sulle modalità della discussione. Oggi le voci trovano conferma in un comunicato diffuso dall’agente di P.M. Giuseppe Florio a seguito di una manifestazione politica della lista La Svolta tenuta ieri 9 Aprile a Brezza.

Questo il testo del comunicato:

In merito alle menzogne, volgari e calunniose dette dal consigliere Parente Enrico, in un pubblico comizio, sul conto della Polizia Municipale del Comune di Grazzanise ed in modo particolare sulla mia persona, al solo scopo di difendere la onorabilità mia e dei miei colleghi, fornisco la versione dei fatti, così come effettivamente si sono svolti.
Il primo aprile scorso, verso l’una, alla fine dal servizio esterno, mentre mi accingevo a rientrare negli uffici del Comando, c’era il sign. PARENTE Enrico, consigliere comunale, fermo sulle scale d’ingresso del Municipio.
Il Parente, improvvisamente, rivolgendosi direttamente al sottoscritto, con voce alta, esclamava al mio indirizzo, con linguaggio dialettale: "mo non rir chiù" ed iniziava ad avvicinarsi con modo minaccioso verso la mia persona. Al che chiedevo che cosa stesse dicendo e che cosa volesse. Il Consigliere Parente, continuando ad avvicinarsi, sempre con fare minaccioso ed aggressivo, continuava col dire che ero un porco, "un uomo di merda e che me l’avrebbe fatta pagare."
Il sottoscritto insisteva nel chiedere al sign. Parente che cosa volesse e a che cosa si riferisse.
Il Parente continuava sempre, con fare minaccioso, a dire che ero "nu ittat" e che ero fortunato che non c’eravamo mai incontrati fuori da Grazzanise e che se avevo il coraggio ci dovevamo vedere fuori dal paese perché mi avrebbe fatto vedere chi era lui e di che cosa era capace.
Facevo presente al Parente che non eravamo nel "Far West" e che non avevo nulla da fare con lui fuori Grazzanise. Il Parente continuava ossessivamente a ripetere le sue minacce e che ero "un uomo di merda" e che me l’avrebbe fatta pagare ora che non era più sindaco. A questo punto il consigliere si avvicinava alla mia persona, tanto da cercare il contatto fisico, sfiorandomi con il suo corpo. Al che facevo un passo indietro, invitando il Parente a stare a distanza, ma lo stesso continuava nel suo intendimento.
Il Parente, dopo che il sottoscritto aveva chiesto l’intervento del collega in servizio, repentinamente ritornava sui suoi passi e si recava al primo piano degli uffici comunali.
Lo scrivente seguiva il Parente, insistendo nel chiedere a che titolo e a che proposito stesse profferendo tali minacce ed ingiurie e di ripetere quanto prima affermato anche alla presenza dei colleghi Di Nardo e Caianiello, intervenuti sul posto. Il Parente, a ciò si rifugiava nella stanza del Sindaco, e, sempre con fare minaccioso, mi invitava ad entrare, se avessi avuto il coraggio di farlo.
Di li a poco usciva dalla propria stanza il Sindaco di Grazzanise, ed il consigliere Parente esclamava: "QUESTI SONO MIEI NEMICI E LO SARANNO SEMPRE E GLIELA FARO’ PAGARE E SARANNO ANCHE TUOI NEMICI, LI DEVI COMANDARE" "QUESTI MI HANNO DENUNCIATO E LO FARANNO ANCHE CON TE".
Il Parente, sempre con toni esagitati, ripeteva più volte, all’indirizzo mio e dei colleghi presenti, che ci avrebbe controllato lui personalmente e che se non facevamo il nostro dovere ci avrebbe denunciati.
Personalmente, non sono in grado di dare una spiegazione al comportamento del consigliere Parente.
E’ destituita di ogni fondamento, essendo una pubblica menzogna, la spiegazione data dall’ex sindaco di Grazzanise nel comizio tenuto in Brezza il 9 aprile, secondo la quale lo scontro sarebbe iniziato a causa di un suo richiamo, fatto alla mia persona, per un fantasioso disordine della mia divisa.
Lascio a tutti i cittadini di Grazzanise, che ogni giorno possono osservare il sottoscritto ed i miei colleghi, dare un giudizio sulla impeccabile tenuta della divisa dei Vigili di Grazzanise.

Florio Giuseppe

 

13 Messaggi del forum

  • IL DUCE DEL BASSO VOLTURNO HA COLPITO ANCORA.PRIMA DELLE ELEZIONI DAL PALCO FACEVA LA VITTIMA.GIA NEL COMIZIO DI MERCOLEDI’ A GRAZZANISE E’ TORNATO AD ESSERE QUELLO DI SEMPRE.OFFENDENDO TUTTO E TUTTI.NN HA RISPETTO PER NESSUNO.VIVE NE SUO DELIRIO DI ONNIPOTENZA PENSANDO DI FARE IL BELLO E IL CATTIVO TEMPO.
    • La vostra è un’ inutile fissazione: se fosse stato il "Duce" come voi affermate, non avrebbe ottenuto in tre elezioni circa 7500 voti da parte degli abitanti di Grazzanise. Ciò dimostra che il sindaco non in carica Enrico Parente ha lavorato nell’interesse della cittadinanza per cui ha ottenuto il consenso meritato. E’ inutile che vi masturbate con elugubrazioni mentali:non c’è niente da fare siete e sarete relegati nel ruolo che a voi spetta, semplici comparse, per altri ulteriori 5 anni ed io da semplice elettore mi auguro e sono certo che questi 5 anni li moltiplicheremo per 4. La questione vigili urbani si trascina da molti anni, anche con i sindaci precedenti la polizia municipale non ha mai avuto un rapporto normale; infatti basta ascoltare le ingiurie rivolte non solo al sindaco non in carica Enrico Parente ma anche ai sindaci precedenti per capire di che pasta sono fatti i vigili urbani di Grazzanise; ovviamente con i dovuti distinguo. La polizia municipale non sopporta, nonostante la legge lo preveda, il controllo costante sulla sua attività ed il fatto di dover rendere conto ad un responsabile. Per molti anni hanno percepito stipendi elevati e finanziamenti di progetti ben remunerati come voci di palazzo riportano. Almeno tre dei cinque vigili in servizio svolgono una seconda attività non dichiarata per cui passibile di denuncia alla guardia di finanza; in primo luogo proprio il vigile Florio lavora in nero presso uno studio di commercialista, altro si dedica alle assicurazioni ecc... Il sindaco non in carica Enrico Parente, attuale consigliere di maggioranza, come lui stesso ha dichiarato nel comizio a Brezza, ha cercato di chiamare all’ordine il vigile Florio poichè ne ha la facoltà; è ovvio che ognuno racconti la propria versione dei fatti. Quello che è palese è che la polizia municipale di Grazzanise è continuamente assente. Una redazione che si rispetti deve essere imparziale e non risentire della colorazione politica. IL LUPO
      • Più che un lupo sei uno sciacallo. Parli di cose che non conosci o che non vuoi conoscere , ancor peggio, tenti di mistificare. Se vuoi parla di politica e non uscire dal seminato. Lascia stare la vita privata degli altri, altrimenti mostra la faccia quando ti riferisci a persone che lavorano. Dal tuo parlare traspare l’odio che il tuo padrone ha nei confronti di tutti quelli che non dicono "signorsì". Lo sanno tutti a Grazzanise, e lo sai anche tu, perchè appartieni al clan, che quello che ha fatto il tuo capo è stata solo e semplicemente una vile aggressione ad una persona tranquilla e poi vigliaccamente ha cercato di giustificarsi con una BUFALA COMIZIALE. Ha semplicemente mentito, anche ai suoi, e questo è già dire molto sulla credibilità di un "uomo politico". RESTA NEL SEMINATO, ti conviene.

        PS.: a proposito di doppi lavori e Gurdia di Finanza prova a chiedere al dr. Parente fino a quanto ha esercitato abusivamente, in via Diaz, a Capua fuori Porta Roma ed altrove, la professione di MEDICO ECOGRAFO.

        • Premetto ke nn sn molto amica nè della svolta,e nè di nuovi orizzonti...Ma voglio semplicemente dire ke la polita fatta dalla svolta è stata meno offensiva e bensì ben studiata x nn cadere alle provocazioni di 1 partito " nuovi orrizonti" capitanata apparentemente dal Sign. Federico Conte,ma praticamente da 2 marpioni vecchi...Credo ke la nota di questo vigile sia 1 buffonata e ke abbia fatto 1 pò troppo la vittima,incolpando solo ed esclusivamente il consigliere Enrico Parente,ma diciamoci la verità,napoletanamente ca nisciun è doc e sal,quindi nn credo ke questo vigile Giuseppe Florio nn abbia fatto la sua parte.Voglio anke dire 1 altra cosa,ke i vigili nel periodo della campagna politica nn hanno poi effettivamente fatto il loro dovere...Perchè nn riesco a capire il fatto di quando parlava il Sign.Federico Conte,tutti lì a bocca aperta e cm finiva il comizio e arrivavano quelli della svolta si dileguavano.Allora cn questo voglio dire ke il proprio dovere va fatto sempre e comunque,al di là di ogni politica e al di là di quant’altro...sterminetorwoman
      • Non era necessaria un’analisi sociologica per la difesa di un individuo che fonda il suo consenso sulla menzogna, sulla provocazione e sull’abuso del suo ruolo istituzionale per la persecuzione dei suoi oppositori politici. Il "popolo del sovrano" , in verità, ama questi atteggiamenti da bullo di periferia e gode enormemente quando costui scarica i suoi istinti bestiali su persone perbene che hanno la sola colpa di svolgere dignitosamente il loro dovere. Al Lupo, o meglio al Giullare del sovrano, vorrei chiedere: un sindaco, o un consigliere che sia, è autorizzato ad apostrofare un vigile urbano, comunque siano andate le cose, (ed io penso siano andate come le descrive il Florio conoscendo le epiche gesta e le levate di giacchetta del suo aggressore, note in tutta Italia) con epiteti tipo "uomo di merda" "si nu ittat"? Dovresti solo vergognarti per quanto hai affermato nel tuo scritto ma, penso, non sarai capace di farlo perché l’amore per il tuo sovrano ha annientato la tua dignità. Ti sei donato a lui anima e corpo e non esiteresti ad offrirgli qualsiasi cosa per renderlo felice.
      • Un’altro, il cosiddetto LUPO, che se la prende con la presunta parzialità della redazione invece di commentare i fatti. Una redazione che, guarda caso, gli concede tutto lo spazio che vuole.
        • ...ma "un altro" si scrive con o senza apostrofo?
          • Senza. Ci cospargiamo la testa di cenere.
            • Tengo a fare una premessa, non sono un tifoso del Sindaco uscente Parente, non sono un tifoso di nuovi orizzonti, benchè ritenga Federico Conte una persona a modo, ho stima personale di qualche candidato sia svoltista, che di nuovi orizzonti. Ho seguito tutti i comizi elettorali, basati unicamente su contenuti alla cui base è emersa prevalentemente’’l’offesa’’, alla controparte e non mi dilungo. La sintesi progettuale ed economica è stata assente da ambo le parti, dei giovani si è detto solo ’’ Bisogna Fare qualcosa’’, ma cosa? lo chiarissero entrambi, non abbiamo sentito ’’La formazione al lavoro’’ nei comizi e le linee per praticarla, ’’almeno questo’’. Invero dal medicae cura te ipsum da un lato e dall’altro ’’abbuscano ngoppe e recchie oppure hanno sfroculiato le l’ape’’e voi sareste coloro che dovranno governare? Mah ! Per quanto riguarda i vigili urbani ed i comunicati stampa stilati da uno di loro , si è toccato il fondo ho sentito dire da qualcuno più esperto di me e gradirei magari essere contraddetto, che la polizia municipale ha le stesse attribuzioni sul territorio di competenza, dei carabinieri,polizia e Finanza ed allora mi chiedo questi Signori invece di piagnucolare e vittimizzarsi, perchè non procedono per le funzioni che svolgono contro l’ex Sindaco Parente?. Già per il passato si sono verificate circostanze simili se non più gravi, ed ancora non dimentichiamo la storia dei 3 comandanti ’’Ma i vigili che scrivono comunicati dove stavano?’’ma aspettano sempre che siano gli altri a caricarsi di problemi che sono prettamente loro?, quindi non c’è da meravigliarsi se poi accade ciò che accade, è pure vero che non è giusto che vengano a loro dire maltrattati, ma è anche vero che nulla fanno acchè ciò non succeda. Tutta la popolazione anche quella di parte svoltista, sa che per un lungo periodo i vigili sono stati ’’comandati’’ da un signor ’’nessuno’’che senza alcun titolo ha svolto funzioni (esasperandole)che non gli competevano, ma mai e poi mai hanno avuto il coraggio di far il proprio dovere ovvero interrompere il perpetrarsi di una condotta palesemente illecita e si dice al vaglio degli organi inquirenti. Mi spiace ma è così (credo),il decoro e la dignità, vanno mantenuti con coraggio e professionalità e non di certo con i ’’comunicati stampa’’il vigile urbano ’’faccia il vigile’’ con tutte le attribuzioni del suo ’’status giuridico’’ e non il politico i ’’comunicati stampa’’ lasciamoli agli amministratori o ai politici. Concludo,la libertà di stampa e di pensiero è una cosa ’’sacra’’ questa redazione benchè lascia spazio a tutti comunque a mio parere è di parte e lo dimostrano i pseudo sondaggi effettuati durante la campagna elettorale a quanto pare in contrasto con quanto verificatosi. Complimenti al segretario politico di sinistra e libertà Giuseppe Raimondo ed al segretario del P.D. Paolo PARENTE , gli stessi con la loro elezione, hanno dato cq una ’’sonora’’ lezione politica e di stile ai ’fascistelli’’ della P.D.L. In ogni caso speriamo bene, 17 sono stati eletti dal popolo , purtroppo però il 17 è un brutto numero.- Auguri al popolo
              • E’ STUPIDO PARLARE DI DESTRA E’ DI SINISTRA ALL’ INTERNO DI UNA COALIZIONE COMUNALE.E’STUPIDO DEFINIRE QUELLI DEL PDL FASCISTELLI. E’ STUPIDO DIRE "HO SEGUITO TUTTI I COMIZI"PERCHE’ ENTRAMBE LE FORMAZIONI HANNO ESPOSTO(CHI PIU’ CHI MENO)ALLA POPOLAZIONE LE LORO PROGGETTUALITA’.FIN QUANDO LE CONSIDERAZIONI SULLA VITA POLITICA DELLA NOSTRA CITTADINA SI LIMITERANNO A (DESTRA,SINISRA,FASCISTELLI) E SOPRATTUTTO CAPIRE QUELLO CHE SI VUOLE DA UN COMIZIO ........NON CREDO SI POSSANO FARE PASSI IN AVANTI.
                • DIMENTICAVO:PER QUANTO RIGUARDA I SONDAGGI TUTTI SANNO CHE UNA PARTE DELLO ZOCCOLO DURO DI NUOVI ORIZZONTI E’ COMPOSTO DA RAGAZZI CHE USANO L E NUOVE TECNOLOGIE(INTERNET,FACEBOOK)ECCO IL PERCHE’ DEL RISULTATO.SIGNORI SVOLTISTI: IL 47 PER CENTO ELLA POPOLOZIONE NON E’ CON VOI.
                  • Non iniziamo a dire che i sondaggi sono falsati...il maccanismo che regola questi ultimi si basa del controllo degli indirizzi ip che vengono associati dinamicamente ad ogni pc quando si connette ad internet....il sistema permette ad un utente (quindi ad un indirizzo ip) di votare un unica volta....conoscendo come funziona il tutto tantissimi sono i modi per aggirare il sistema(quindi a falsare ile votazioni sono gli utenti e non la redazione)...i sondaggi hanno rivelato un dato forse indicativo: a grazzanise hanno libero accesso ad internet, capacità di utilizzare la rete, fruire dei suoi contenuti un range di persone di eta compresa tra i 16 e 30/35 anni (salvo poi eccezioni del caso). di questo insieme fanno parte studenti, laureati, persone comuni stimolate a partecipare attivamente alla vita politica del paese...Ciò detto si possono trarre le dovute conclusioni: c’è una parte dell’elettorato che si informa che accede quotidianamente alle risorse che il word wide web (www)offre e un’altra parte che di tutto questo non è a conoscenza che di comportamenti rissosi di arroganza e insulti forse è abituata. Il mondo oggi sta cambiando, sta cambiando il modo di distribuire le informazioni...anche se in maniera molto ridotta questo si avverte anche nel nostro piccolo paese ci sono movementi di giovani che studiano fuori, che hanno deciso di non abbandonare questo paese nonostante il degrado in cui versa...che hanno deciso di far parte attivamente della vita politica di questo luogo...che all’arroganza, alla rissa preferiscono rispondere con argomentazioni valide che hanno capito che non serve a nulla urlare quando si riesce ad essere incisivi anche rimanendo calmi e pacati...


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout