Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > Iniziata la scuola...ma senza scuolabus

Una serie di circostanze sfavorevoli hanno compromesso il regolare avvio del servizio

Iniziata la scuola...ma senza scuolabus

Al vaglio il servizio associato. Nei prossimi giorni parte l’analisi generale

lunedì 15 settembre 2014, di Peppe Florio


GRAZZANISE – Anno scolastico iniziato senza scuolabus: un grosso problema da risolvere in brevissimo tempo, quello che la commissione straordinaria si trova tra le mani in queste ore, con tutte le circostanze che sembrano volersi mettere a sfavore.

A generare il primo intoppo, l’arresto ad agosto di Tommaso Izzo, attualmente detenuto ai domiciliari, il dipendente comunale che si occupava personalmente del trasporto scolastico: venuto meno lui, infatti, non si riesce a trovare, nell’organico comunale, un sostituto da poter utilizzare come autista senza compromettere la macchina comunale.

Per questo motivo, si era pensato di avviare un servizio associato con Santa Maria La Fossa, mettendo a disposizione un unico scuolabus, finanziato da entrambi i comuni, che servisse Grazzanise, Santa Maria La Fossa, Brezza e Borgo Appio. Una soluzione, questa, che però sembra essere piuttosto difficile da attuare, considerando sia la distanza da percorrere ogni mattina, sia il fatto che da quest’anno l’orario di inizio delle lezioni, per decisione della dirigente scolastica Francesca Romana Boccini (che ha ricevuto diverse critiche per questa scelta presa senza consultare gli amministratori dei comuni colpiti) è stato anticipato dalle 8.20 alle 8.10. Quindi 10 minuti di tempo in meno per l’autista dello scuolabus che dovrebbe portare tutti gli studenti del circondario a scuola in orario.

La soluzione del servizio associato, per quanto di difficile attuazione, è ancora al vaglio dei commissari straordinari e dell’amministrazione guidata da Antonio Papa. “Stiamo lavorando per trovare una soluzione”, rassicura il commissario Giovanni Migliorelli, che ha anticipato che nei prossimi giorni sarà avviata un’analisi generale dell’utenza (come già fatto a Santa Maria La Fossa), per capire quante persone effettivamente intendano usufruire del trasporto.

Peppe Florio

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout