Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Ambiente > Il degrado è di casa

Il degrado è di casa

sabato 6 aprile 2013, di redazione


Si, c’è il problema della raccolta dei rifiuti, la crisi del Consorzio unico di bacino, i netturbini in agitazione e tutto quello che vogliamo. Ma non parliamo mai abbastanza dell’inciviltà di noi cittadini che siamo i primi a non voler bene al nostro paese. Ci mettiamo del nostro per vivere in un ambiente deturpato e sporco.
Altre volte ci siamo occupati del degrado nel quale siamo immersi, sia nel centro abitato che nelle periferie e in piena campagna. Degrado che non piove dal cielo, non è una maledizione divina, ma un’autodistruzione fisica, morale, estetica, economica.
Sobbarcandoci ad altri sacrifici la raccolta porta a porta dei rifiuti è ricominciata e tuttavia le strade del paese continuano ad essere insozzate dai moderni vandali, scusandoci con i Vandali storici, i quali imperterriti perpetuano la manifestazione del loro grado di educazione.
Nel filmato che segue se ne può avere una prova. All’incuria di chi dovrebbe provvedere alla pulizia (per la cronaca, è visibile chiaramente l’erba tagliata e mai rimossa, e poi ci meravigliamo degli allagamenti) si aggiunge il contributo incosciente di alcuni o di tanti. L’erba alla fine si decompone ma la plastica rimane lì, intatta.

frates

Rispondere all'articolo

 

2 Messaggi del forum

  • Il degrado è di casa

    6 aprile 2013 15:49

    Hai ragione, hai maledettamente ragione.

    C’e’ in alcune persone una ostinata resistenza a non voler rispettare le più elementari regole di civiltà e di educazione. Magari queste persone a casa loro hanno tutto perfettamente in ordine e pulito, ma quando si tratta di tenere pulita e rispettare la cosa pubblica diventano dei "Vandali".

    E’ una questione di cultura, di mentalità: "fuori dall’uscio di casa mia è terra di nessuno".

    Il problema, purtroppo, è che noi meridionali le regole le rispettiamo solo "con la mazza". Sarà che non ci hanno mai abituati, speriamo per il futuro, se non altro per i nostri figli.

    Rispondere al messaggio

    • Il degrado è di casa 15 aprile 2013 17:01, di Benito Di Stasio
      Caro frates, ho già scritto di questo degrado sulle pagine del giornalino "teenspark",ma nessuno ha raccolto la mia provocazione. E’ uno squallore vedere le nostre strade ridotte a una pattumiera, ma, purtroppo, anche questo è un problema atavico e culturale,nel peggior significato che possiamo dare a questa parola. Comunque ,siamo tutti colpevoli nessuno escluso: ho visto uomini di cultura buttare cartacce a terra dopo aver aperto il finestrino della loro auto e uomini politici liberarsi le tasche sporcando il suolo pubblico,figurarsi il cittadino qualunque. Per non parlare dei nostri giovani che non brillano assolutamente in quanto a rispetto dell’ ambiente. Suggerisco una campagna di pulizia che dia decoro al nostro amato Grazzanise, con le associazioni che stanno fiorendo, forse è il momento di darsi una mossa.

      Rispondere al messaggio


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout