Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Sport 2017/18  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Attualità > La polemica sui messaggi del forum

La polemica sui messaggi del forum

giovedì 2 agosto 2007, di redazione


Riceviamo e pubblichiamo:

Egr. Sig. Francesco TESSITORE, con la presente, tengo a rappresentarle il mio sdegno e rammarico, per il messaggio anonimo oltraggioso al prestigio ed al decoro della mia persona datato 30 luglio 2007 - ore 06,23.
"In primis" le contesto l’interessata passività sua e di eventuali addetti alla vigilanza sui flussi telematici del sito, che mai avrebbero dovuto legittimare e consentire che un messaggio anonimo "vile ed offensivo" rimanesse per oltre 15 ore su codesto sito d’intellettuali pronti ad aspettare che gli altri si scontrino, per poi emettere "demagogici " e generici giudizi, turandosi in naso e guardando ciò che accade dall’alto verso il basso, senza voler "volutamente" ascrivere - per inerzia, apatia o interessi di politica virtuale slegata dalla realtà - le responsabilità a chi ha creato e procurato il "falso allarme sociale" in paese, alimentando tensioni pregresse più di natura personale che politiche, fortunatamente documentate dalle Forze dell’ordine pesantemente insultate e oltraggiate, verso le quali, a fronte del vilipendio pubblico subito dall’Autorità Locale di P. S. ovvero il Sindaco (consulti il T.U.L.P.S. all’art. 1) ella non ha espresso un minimo di solidarietà e di condanna.
Le retoriche e le frasi poetiche, a mio modesto avviso, a ben poco servono a fronte di eventi di una gravità inaudita e quasi sempre attribuiti agli altri.
Tutto ciò non fa sicuramente onore a coloro che - da "intellettuali" - dovrebbero avere la capacità d’indirizzo verso l’attuale classe politica di Grazzanise, con tutti i suoi difetti, ed in particolar modo verso chi "comanda il paese alla stregua delle peggiori realtà sudamericane.
Aver eliminato con "colpevole" ritardo lo scritto anonimo o asserire in modo generico (senza citare che l’offeso era lo scrivente) nel comunicato del 1° agosto che anonimi imbecilli si sono serviti del sito per ledere la rispettabilità altrui, per cui si comprende lo sdegno di chi è stato offeso, (è la 2^ volta che accade) non la escluderà dalle azioni di natura politica e penale che ho già intrapreso contro ignoti, né dall’essere menzionato in un dettagliato esposto denunzia da inoltrare presso l’Autority delle telecomunicazioni in relazione all’accettazione di messaggi anonimi lesivi all’immagine di persone offese. (proprio lei che è uomo di cultura non dovrebbe cadere così in basso!!!). Sappia che per sua sfortuna e dell’"amico" anonimo sono in possesso del comunicato. Suppongo inoltre, che la mia "dovuta" risposta non è passata perché connotata, in alcuni tratti e lo ammetto, da termini "forti" indirizzate all’anonimo al quale lei ed il suo enturage, ha consentito di esprimersi come meglio ha creduto.
Le ricordo di non aver bisogno del "maestrino" che corregge il compitino per far passare la risposta ( non sono più interessato) - la missiva non era anonima, era firmata (con assunzione delle responsabilità) e pur acclarandole deferente rispetto, lei è stato intellettualmente "disonesto" poiché la replica da me inviata andava resa pubblica!
Grazzanise, 2 agosto 2007

Consigliere Comunale
Enzo Papa

(accorgimenti grafici nell’originale)

===
Come vede, egregio signore, non ho nessuna difficoltà a pubblicare messaggi di chicchessia. Il precedente è stato bloccato, come altri nel frattempo arrivati, solo perché andava ad alimentare una polemica con terze persone, e ciò non è intento perseguito da questo sito. Stavolta il bersaglio è il sottoscritto, perché, mi par di capire, apparterrebbe alla classe degli ’intellettuali’ verso i quali il mittente sembra che nutra un’acredine viscerale.
Chiarito questo, non mi dilungo a contestare le illazioni e le affermazioni gratuite contenute nella lettera. Ognuno di noi è il prodotto della propria storia, io sono conosciuto come è conosciuto lei, il paese è piccolo, quindi non sto ad alimentare una polemica pubblica che modestamente non fa onore e che rischierebbe, non so se intenzionalmente o meno, di offuscare altri fatti, ben più gravi, a cui il nostro paese è esposto.
Ovviamente, nel caso, non mi sottrarrei a qualsiasi eventuale tipo di spiegazione, in qualsiasi sede, in maniera franca e civile.
Franco Tessitore

P.S. Per sua informazione, il materiale arrivato, pur non essendo visibile, tuttavia è presente sul server.

Rispondere all'articolo

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout