Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Opinioni > Brunetta e il Sud

Brunetta e il Sud

lunedì 13 settembre 2010, di redazione


Le recenti esternazioni del ministro Brunetta hanno suscitato una levata di scudi (quasi) generale in difesa dell’”onore” infangato “senza conoscere le cose”.

Al di là del giusto orgoglio che si ritiene ferito sarebbe opportuna una riflessione da parte di tutti, politica, cultura, imprenditoria, su quanto affermato dal ministro che, tra parentesi, corrisponde a quanto pensano molti. Basti leggere gli interventi sui social network per rendersi conto di quanto sia diffusa tra i cittadini l’opinione che la Campania, in particolare Napoli e Caserta, siano un “cancro” per l’intera nazione.

Se un appunto si può fare a Brunetta è quello di avere generalizzato, mettendo nello stesso calderone (stavo per dire Calderoli per quel pizzico di razzismo che non guasta mai) le cose positive e negative, e le generalizzazioni, si sa, sono sempre antipatiche oltre che sbagliate.

E’ inutile stare qui a ripetere ciò che altri, con maggiore incisività, hanno detto ma i nostri mali sono noti: l’arroganza della politica, il clientelismo, l’impunità, lo sfacelo della Pubblica Amministrazione, lo scarso senso civico, un’imprenditoria poco illuminata e, senza allungare troppo la lista, dulcis in fundo la criminalità organizzata.

Secoli di abusi da parte del potere, di connivenze tra i più forti a scapito dei deboli, di soprusi e di sopraffazioni, di diritti calpestati e di ruberie, di malaffare di Stato e di privati, di insufficienze culturali e strutturali e chi più ne ha più ne metta, hanno determinato uno scadimento generale della vita, una qualità dei servizi da mondo sottosviluppato a fronte di tasse esorbitanti, una corruttela generalizzata, un deterioramento del senso di “cittadinanza”.

La ciliegina sulla torta è rappresentata dalla criminalità organizzata che ha messo a ferro e fuoco il Sud, in particolare le nostre terre, le ha impoverite economicamente e civilmente, ha avvelenato il tessuto democratico e ha diffuso metastasi, per stare alla metafora di Brunetta, anche nel resto del corpo della nazione.

C’è chi dice che è necessario un sussulto delle popolazioni meridionali, ma niente si fa per favorirlo e svilupparlo. Non basta dare la caccia ai latitanti per estirpare il male. Quando mai la ‘repressione’ ha dato frutti se non è accompagnata da politiche di sviluppo? La storia dell’Italia Unita sta lì a testimoniarlo e dimostrarlo.

A una visione miope delle classi dirigenti nazionali che hanno visto nel Sud non una opportunità di progresso per tutta l’Italia, ma sempre e soltanto un serbatoio di voti e di braccia da sfruttare, in ciò favorite dai politici nostrani che hanno colto solo l’occasione per arricchirsi e aumentare il loro potere personale, è succeduta un’altra visione ancora più nefasta, quella di una difesa egoistica e localistica delle proprie possibilità, costi quel che costi per gli altri. Una chiusura e un arroccamento contro il resto della nazione stracciona, assistenzialista e poco incline al lavoro.

Oggi c’è al potere chi se ne frega dello Stivale, attento a difendere e salvaguardare quelli che vengono definiti i diritti di una parte limitata del territorio nazionale contro le ruberie di “Roma ladrona” e del Sud. Il resto può andare in malora. E Brunetta, anche se tra noi riconosciamo i nostri difetti, fa parte di un simile governo!

Comunque, anche dalle sue affermazioni possono e devono venire stimoli per una presa di coscienza generale, a partire da chi occupa le poltrone delle istituzioni locali. Ci si attende da questa gente una reazione, non a parole ma nei comportamenti, per dimostrare che gli enti non sono più carrozzoni da sfruttare per sé, per la propria famiglia e i propri amici ma strutture al servizio dei cittadini e dello sviluppo.

Sarebbe opportuno che ognuno di loro facesse promessa solenne e solenne giuramento: “giuro di operare al servizio della collettività in modo tale che le affermazioni di Brunetta vengano smentite nei fatti nel più breve tempo possibile”.

Al momento non si registrano reazioni di rilievo da parte di Caldoro, né di Cesaro, né di Zinzi. Forse stanno meditando.

frates

 

2 Messaggi del forum

  • Brunetta e il Sud

    15 settembre 2010 16:01, di Fabio Petrella
    Salve a tutti. Sono un abitante di Grazzanise che da un pò di tempo, per lavoro, si trova al Nord Est e più precisamente nella città che ha visto nascere il Ministro Brunetta. Volevo solo portare una testimonianza di quello che, molte volte, noi del meridione siamo costretti a subire. Sembra una parola brutta "subire" ed invece, purtroppo, è proprio quella giusta perchè la differenza, fortunatamente non tutti, te la fanno sentire. Noi siamo quelli che nel lavoro devono fare il triplo, perchè buona parte delle energie le devi impegnare per convincere il tuo datore di lavoro e i tuoi colleghi che non tutti quelli provenienti dal Lazio in giù per forza devono incarnare lo stereotipo meridionale che negli anni a queste persone è stato inculcato. Purtroppo è proprio così, perchè la maggior parte non sà effettivamente quella che effettivamente è la relata del Sud Italia ed in particolare della nostra Terra;parlano solo per frasi fatte o perchè bombardati da una propaganda, quella leghista, che ha fatto, negli anni,dell’antimeridionalismo la propria bandiera. E’ difficile fargli comprendere che a generare questo cancro e ad avvelenare la nostra Terra sono stati anche loro; i loro famosi industriali, quelli dai colletti bianchi, quelli che non hanno denunciato, quelli che hanno preferito far smaltire i propri rifiuti tossici ad un prezzo bassissimo senza sapere dove andassero a finire. Anche loro, che gli piaccia o no, fanno parte di questo sistema e, anche loro hanno contribuito a generarlo ed ora è semplice parlare di divisione, di migliori o peggiori... C’è comunque anche da dire che molti meridionali hanno fatto dei danni in queste zone, non bisogna passare per Santi, perchè non lo siamo affatto, ma giustamente la generalizzazione non è uno strumento che può essere utilizzato da una persona che ricopre una carica Istituzionale. Il Sud, come tutta l’Italia ha bisogno di una classe Dirigente in grado di fare il proprio mestiere e non di una "banda" di vip, come purtroppo siamo costretti a sentire tutti i giorni al telegiornale. C’è bisogno di persone che generino nelle generazioni future un senso critico, una consapevolezza dei propri mezzi e soprattutto che insegni loro la politica, quella dei partiti,che ormai è solo un triste ricordo; ma purtroppo i Dirigenti attuali godono a tenere i giovani nell’ignoranza, in modo tale da creare una massificazione generale dove nessuno potrà mai emergere e loro continueranno a fare sempre e solo i loro comodi. Mi scuso se mi sono dilungato troppo, ma ogni tanto uno sfogo fà bene. Grazie
    • Brunetta e il Sud 15 settembre 2010 20:12, di M.R.
      caro fabio hai usato parole ed idee appropriate e fAcilmente condivisibili...a me certi uomini come brunetta non mi stimolano ad esternare la mia opinione ma solo un paio di parole come quelle che direi ai ministri quando parlano ad esempio di abbassare le pensioni e guadagnano in un mese quello che la fascia media guadagna in due anni...che dire quindi ...io uso queste parole solo per questi sfruttatori senza dignita che si permettono anche di fare del moralismo: ( CHIEDO SCUSA ALLA REDAZIONE E A QUELLI CHE LEGGERANNO) MA CON TUTTO IL MIO ESSERE GRIDO CHE SONO PROPRIO GENTE DI M---A.


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout