Grazzanise oggi  Numeri utili  I nostri Caduti  Ris. elettorali  Trasporti  Differenziata  | Meteo |

Grazzanise on Line

Home page > Politica > Ipocrita e falso, questo è il manifesto del Pd

Ipocrita e falso, questo è il manifesto del Pd

lunedì 18 giugno 2012, di redazione


Pignataro M. - Avremmo voluto sorvolare sui contenuti del volantino del Pd diffuso domenica scorsa. La tentazione di confrontarci, tuttavia, è stata più forte di noi. Eccoci qui, quindi, a rispondere a tale scritto, scusandoci con i cittadini per il tempo che gli faremo perdere. Vogliamo però per prima cosa rassicurare chi ci legge sul fatto che il nostro “confrontarci” avverrà, come sempre, e contrariamente a quanto fanno alcuni uomini della sinistra locale - che lo usano solo per riempirsi la bocca, per poi confonderlo con l’arte del turpiloquio -, su contenuti politici.

Sono necessarie alcune puntualizzazioni perché è stato raggiunto davvero il limite massimo dell’ipocrisia e delle falsità.

Il Pd afferma che non ha mai strumentalizzato, neppure in campagna elettorale, l’arresto dell’ex Sindaco Giorgio Magliocca. Chi ha scritto quel volantino dovrebbe vergognarsi. Tutti, infatti, ricordano i manifesti della locale sezione del Pd. Gli interventi dei suoi rappresentanti in campagna elettorale. Affermare il contrario significa non solo offendere le vittime di quel dramma umano, ma anche i cittadini che rimasero scandalizzati dalla ferocia di quei giorni.

Il Pd afferma che la precedente amministrazione Magliocca è stata fallimentare perché ha gestito in modo palesemente clientelare i concorsi e perché ha portato al dissesto le casse del comune. Rimaniamo davvero sbalorditi e sconcertati di fronte a tanta protervia. Affermare che i concorsi sono stati gestiti in modo clientelare significa non avere rispetto della giustizia che ha sentenziato la regolarità delle procedure. I signorotti del Pd non si accorgono che in questo modo offendono, inoltre, in maniera del tutto gratuita, 9 ragazzi di Pignataro che, invece, hanno dimostrato di avere capacità ed attitudini per lavorare nella macchina amministrativa.

Rispetto alla questione del dissesto finanziario, i poveri esponenti della sinistra locale dimostrano di bere come dei salami tutte le “c….” che gli racconta il loro Sindaco. Non è vero, infatti, che il comune di Pignataro Maggiore vive una grave situazione economica-finanziaria. Se così fosse avrebbe ereditato un bilancio in dissesto (certificato dalla Ragioneria dell’ente), cosa che non è avvenuta. Sfidiamo il loro Sindaco ad un dibattito pubblico dove lo sbugiarderemo su questo punto. Animati dal bene per il nostro paese, però, gli forniremo anche i suggerimenti su come e dove trovare i fondi per salvare la nostra città, pur evidenziando il loro grado di inettitudine.

Chiederemo, e lo facciamo fin d’ora, che fine hanno fatto i 180–200 mila euro che ogni anno il nostro comune riceve per gli investimenti! Chiederemo, e lo facciamo fin d’ora, per quale motivo in questo anno il comune non ha partecipato a nessuno dei circa 40 bandi per finanziamenti a fondo perduto pubblicati dalla Regione Campania. Finanziamenti a fondo perduto finalizzati a lavori per ammodernamento di strade, immobili e attività comunali!
Perché la vostra amministrazione non ha presentato alcun progetto per aderire a questi bandi i cui costi non inciderebbero sul bilancio comunale?

Sul fallimento della precedente amministrazione, infine, vi consigliamo di stare zitti. Questo solo per evitare figuracce con i cittadini. Non possono essere elencati, per il numero così elevato, i progetti e i risultati ottenuti dalle precedenti Giunte. Dalle piazze ai parchi; dalle strade alle strutture sportive; dalla biblioteca al teatro; dai parcheggi alla raccolta differenziata; dai progetti 328 e 285 alla ristrutturazione delle scuole. Addirittura oggi ci è capitato di veder il vostro Sindaco andare a guardare come procedono i lavori di piazza Garibaldi, i cui fondi ed il cui progetto sono frutto del lavoro dell’Amministrazione Magliocca. Fondi e progetto che ricevettero il voto contrario di Cuccaro in Consiglio Comunale. Fondi e progetto che il portavoce di Cuccaro cercò di far credere ai cittadini che non esistessero.

Su tutto questo e su altro siamo pronti ad confronto pubblico, durante il quale sarà facile sbugiardare il vostro Sindaco.

Sulla questione veleni. Piantatela di fare le vittime. E siate per una volta politicamente onesti. Certo, i veleni partono dal 2000 quando la vostra amministrazione fu sciolta per infiltrazioni camorristiche (unico dato storico ed amministrativo certo fino ad oggi rispetto ad altri che, infatti, sono finiti con assoluzioni piene ed ampie). Ad oggi su queste vicende esistono due “giudicati”: un’assoluzione – riguardante Magliocca - ed una conferma dello scioglimento – riguardante Palumbo -.

Fate però lo sforzo di ammettere che chi allora spruzzava veleni ai danni di Palumbo è lo stesso personaggio che oggi cerca di impallinare Magliocca. Con una differenza, che noi siamo riusciti ad allontanarlo, voi ed il vostro Sindaco, invece, ne avete fatto un punto di riferimento, tradendo quei vostri esponenti politici che allora dovettero subire il fango di questo sq…. politico. La verità è che non avete il coraggio di dire al vostro Sindaco di fare una scelta chiara e precisa su questo punto, e Cuccaro non lascerà mai questo personaggio perché lo teme per i motivi che fingete di non sapere.

Chiedete al vostro sindaco di mettere in atto una vera svolta. Fate finta di non accorgervi che dopo appena un anno, periodo in cui al contrario dovreste vivere la così detta luna di miele con gli elettori, state raccogliendo un malcontento mai visto fino ad oggi. Gli stessi vostri elettori vi hanno già condannato. E’ sconcertante il modo in cui state svilendo le vostre professionalità a favore, questa volta sì che c’azzecca il termine clientelismo, di quattro fenomeni da baraccone. Leggete un po’ le delibere di incarichi per avvocati di fiducia. Leggete i nomi dei rappresentanti dell’ente presso strutture comunali. Forse così vi accorgerete che il vostro Sindaco sa solo abbaiare e non governare.

Avete solo un modo per uscire da questo baratro. Consigliate a Cuccaro di dimettersi. Sarete altrimenti sommersi da una sconfitta politica senza precedenti.

Pignataro Maggiore, lì 18 giugno 2012
Coordinamento cittadino del Pdl
di Pignataro Maggiore

 


Monitorare l'attività del sito RSS 2.0 | Mappa del sito | Area riservata | SPIP | modello di layout